Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 DICEMBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Inquinamento. Per l’80% degli italiani aziende e industrie sono le principali responsabili


L’inquinamento di aria e acqua spaventa più di cinque italiani su 10. Questi i numeri dell’Ispra elaborati sui dati della Commissione Europea. E dal 14 al 16 ottobre 2015 torna Ambiente Lavoro l’appuntamento dedicato alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro che quest’anno dedicherà ampio spazio al benessere lavorativo e alla sicurezza ambientale

28 SET - Inquinamento dell’aria e dell’acqua e poi le sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano. E ancora il costante aumento dei rifiuti.
Quando si parla di ambiente sono queste le paure più concrete degli italiani che mettono sul banco degli imputati, come responsabili dell’inquinamento, aziende e industria ma anche istituzioni nazionali e i cittadini stessi.
 
A snocciolare i numeri sull’inquinamento è l’elaborazione dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) su dati della Commissione Europea (2014). Uno scenario che conferma quanto le aziende debbano lavorare, al di là dell’ottemperanza a norme e regolamenti, per riportare in attivo il loro bilancio sociale ed affermarsi come soggetti economici che perseguendo il proprio interesse contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei membri della società in cui sono inseriti, anche attraverso un’attenta politica nei confronti dell’ambiente.
 
Dai dati è emerso che quando si parla di ambiente il 56% delle persone teme l’inquinamento dell’aria, il 51% quello dell’acqua, seguiti dall’impatto sulla salute delle sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano (41%) e dal costante aumento dei rifiuti (40%). L’80% degli intervistati, inoltre, indica le aziende e l’industria come principali responsabili dell’attuale situazione, seguite dalle istituzioni nazionali (70%) e dai cittadini stessi (69%).

 
E proprio il tema della sicurezza ambientale delle attività produttive sarà al centro della prossima edizione di Ambiente Lavoro, il salone fieristico italiano dedicato alla promozione della salute e del benessere nei luoghi di lavoro, in programma nel quartiere fieristico di Bologna dal 14 al 16 ottobre 2015.
 
Monti i temi che saranno trattati dall’analisi e controllo dei rischi ambientali, alle bonifiche delle acque e dei siti contaminati; dalla depurazione dell’acqua post lavorazione e riutilizzo, alla depurazione dell’aria fino alla protezione ambientale da rumore, polveri, fumi-gas-vapori e allo smaltimento e recupero dei rifiuti industriali.
 
Sarà dedicata un’attenzione speciale, anche alla legge n. 68 del 22 maggio 2015 che introduce un illecito penale per i reati che fino a oggi sono stati puniti dal punto di vista amministrativo, prevedendo che vengano sanzionate condotte che danneggiano le risorse ambientali, la salute, l’incolumità e la vita.

28 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy