Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 27 MAGGIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oltre 3,17 milioni di morti per BPCO nel 2015. Prima causa il fumo e l'Oms rilancia la convenzione sul controllo del tabacco e il protocollo contro il traffico illecito che vale 31 miliardi l'anno di mancate entrate fiscali


La Convenzione quadro dell'Oms sul controllo del tabacco è stata sviluppata in risposta alla globalizzazione dell'epidemia di tabacco per proteggere miliardi di persone dall'esposizione nociva. È il primo trattato sanitario globale negoziato dall'Oms e ratificato da 180 paesi. Il protocollo è il passo successivo ed è una buona notizia per la salute umana e una cattiva notizia per chi trae profitto dal traffico: "banditi criminali e industria del tabacco". Per quanto riguarda l’Italia, l’Oms segnala in una scheda tematica una spesa di 10 milioni per il controllo del tabacco, ma entrate per le accise sul fumo nell’ordine di 10,8 miliardi circa e per l’Iva di 3,3 miliardi.  CONVENZIONE OMS FCTC - PROTOCOLLO OMS CONTRO TRAFFICI ILLECITI - RAPPORTO 2017 OMS SULL'EPIDEMIA GLOBALE DI TABACCO - STRATEGIA OMS PER  LE PATOLOGIE RESPIRATORIE - SCHEDA OMS SULL'ITALIA

15 NOV - La Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia polmonare progressiva che porta anche a perdere la vita e predispone ad esacerbazioni e gravi malattie.Lo studio degli effetti globali della malattia riporta una prevalenza di 251 milioni di casi di BPCO nel mondo nel 2016.

In tutto il mondo, si stima che nel 2015 abbia causato 3,17 milioni di morti (il 5% di tutti i decessi a livello mondiale).

Più del 90% delle morti della BPCO si verifica nei paesi a basso e medio livello. La causa principale della BPCO è l'esposizione al fumo di tabacco (fumo attivo o fumo passivo).

Su questa base l’Oms, che ha aggiornato la scheda sulla patologia respiratoria apparentemente meno aggressiva del tumore al polmone, ma con effetti cronici e di esiti altrettanto pesanti, se non addirittura peggiori, rilancia l’attacco frontale al tabacco e invita i paesi membri a sottoscrivere la convenzione quadro Oms FCTC (Framework Convention on Tobacco Control) per ridurre la prevalenza del fumo e l'onere della BPCO a livello globale.
 
Infine viene sollecitata anche l'adesione a un altro protocollo, sempre Oms FCTC, finalizzato a porre fine al commercio illecito di tabacco che da solo causa ai governi di tutto il mondo la perdita annuale di almeno 31 miliardi di dollari di entrate fiscali.


Senza contare che il commercio del tabacco illecito offre prodotti a prezzi più bassi e crea così più persone dipendenti dal tabacco e aumenta di conseguenza le malattie correlate e i casi relativi di morte. In questo senso il protocollo impone un'ampia gamma di misure relative alla catena di approvvigionamento del tabacco, tra cui un sistema di tracciamento dei prodotti.

D’altra parte, sottolinea L’Oms, la BPCO è anche destinata ad aumentare nei prossimi anni proprio per maggiore prevalenza del fumo e delle popolazioni che invecchiano in molti paesi e molti casi di BPCO possono essere evitati eliminando il rischio del fumo, rendendo importante  l’adozione della Convenzione quadro dell'Oms.

Il direttore generale Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha chiarito l'importanza che attribuisce all'entrata in vigore del protocollo per l'eliminazione del commercio illecito dei prodotti del tabacco e per un'attuazione più rapida del suo principale trattato, la Convenzione quadro dell'Oms sul controllo del tabacco (FCTC). E lo ha fatto sottolineando che il mondo consente "all'industria del tabacco di avvelenare miliardi di persone" in nome dello sviluppo economico, il direttore generale ha sottolineato il ruolo chiave del controllo del tabacco nell'affrontare obiettivi globali critici, come la riduzione della mortalità precoce dai CDN , che fanno parte dell'Agenda del 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Finora il protocollo e la convenzione sono già stato ratificato o adottato da 33 paesi e dall'Unione europea e avranno efficacia piena una volta ratificati da altre sette paesi.

Vera da Costa  Silva, capo del Segretariato della Convenzione, è convinta che i risultati si otterranno prima del luglio 2018, consentendo così alla prima riunione delle parti coinvolte nel Protocollo di seguire la prossima Conferenza della Convenzione, prevista a Ginevra, dal 1-8 ottobre 2018.
"Il protocollo rappresenta il passo successivo nel controllo globale del tabacco ed è un passo fondamentale per raggiungere l'obiettivo SDG 3.a", ha detto. "Il roll-out del protocollo sarà una buona notizia per la salute umana e una cattiva notizia per coloro che trarranno profitto da questo traffico: banditi criminali e industria del tabacco".

Per quanto riguarda l’Italia, firmataria della Convenzione e del protocollo antitabacco, l’Oms segnala in una scheda tematica una spesa di 10 milioni per il controllo del tabacco, una prevalenza del 24,8% di fumatori maschi e del 14,9% femmine per una media totale del 19,7 per cento. Tra i fumatori il 23,2% fuma sigarette. E se esistono norme che limitano l’uso del fumo, l’Oms sottolinea che non c’è ancora una legge che indichi la sua eliminazione, l’entità delle ammende per le istituzioni e per i fumatori, né esistono fondi dedicati, ma segnala anche che è aumentata la spesa per sigarette più costose e diminuita quella per le meno costose. Le entrate segnalate per le accise sul fumo sono nell’ordine di 10,8 miliardi circa e l’Iva di 3,3 miliardi. 

IL DATABASE OMS FCTC


15 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy