Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 17 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Mortalità infantile dimezzata dal 2000 a oggi e quella materna ridotta di un terzo. Ma ancora oggi 2,8 milioni di donne incinte e neonati muoiono ogni anno

Le stime Oms-Unicef appena pubblicate e riferite al 2018 indicano un forte calo nella mortalità infantile e materna, ma anche che 6,2 milioni di bambini sotto i 15 anni sono morti nel 2018 e oltre 290.000 donne sono morte a causa di complicazioni durante la gravidanza e il parto nel 2017. Dei decessi totali nei bambini, 5,3 milioni sono avvenuti nei primi 5 anni, con quasi la metà di questi nel primo mese di vita. IL RAPPORTO INFORMAZIONI SULLE STIME DI MORTALITÀ INFANTILE.

20 SET - Dal 2000 a oggi i decessi infantili sono diminuiti della metà e quelli materni di oltre un terzo secondo le nuove stime sulla mortalità infantile e materna pubblicate ieri dai gruppi delle Nazioni Unite guidati dall'UNICEF e dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Tuttavia, le nuove stime rivelano che 6,2 milioni di bambini sotto i 15 anni sono morti nel 2018 e oltre 290.000 donne sono decedute a causa di complicazioni durante la gravidanza e il parto nel 2017. Dei decessi totali nei bambini, 5,3 milioni sono avvenuti nei primi 5 anni, con quasi la metà di questi nel primo mese di vita.

"Nei paesi che offrono a tutti servizi sanitari sicuri, convenienti e di alta qualità, donne e bambini sopravvivono e prosperano", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Questo è il potere della copertura sanitaria universale".  

Le donne e i neonati sono i più vulnerabili durante e immediatamente dopo il parto. Si stima che 2,8 milioni di donne incinte e neonati muoiano ogni anno, principalmente per cause prevenibili, affermano le nuove stime.

I bambini corrono il più alto rischio di morire nel primo mese, soprattutto se sono nati troppo presto o troppo piccoli, hanno complicazioni durante la nascita, difetti congeniti o infezioni da contratto. Circa un terzo di questi decessi si verificano entro il primo giorno e quasi i tre quarti solo nella prima settimana.

“In tutto il mondo, la nascita è un'occasione gioiosa. Eppure, ogni 11 secondi, una nascita è una tragedia familiare”, ha affermato Henrietta Fore, direttore esecutivo dell'UNICEF. “Un abile paio di mani per aiutare le madri e i neonati nel periodo della nascita, insieme ad acqua pulita, un'alimentazione adeguata, medicine di base e vaccini, può fare la differenza tra la vita e la morte. Dobbiamo fare tutto il necessario per investire nella copertura sanitaria universale per salvare queste preziose vite".

Le stime mostrano grandi disparità nel mondo, con donne e bambini nell'Africa sub-sahariana che hanno un rischio di morte molto più elevato rispetto a tutte le altre regioni.

I livelli di decessi materni sono quasi 50 volte più alti per le donne nell'Africa sub-sahariana e i loro bambini hanno 10 volte più probabilità di morire nel loro primo mese di vita, rispetto ai paesi ad alto reddito.

Nel 2018, 1 bambino su 13 nell'Africa sub-sahariana è morto prima del quinto compleanno, un rischio 15 volte più alto di quello che un bambino deve affrontare in Europa, dove muore solo 1 su 196 bambini di età inferiore ai 5 anni.

Le donne nell'Africa sub-sahariana corrono un rischio di morte 1 su 37 durante la gravidanza o il parto. In confronto, il rischio di una vita in Europa per una donna è 1 su 6500. L'Africa sub-sahariana e l'Asia meridionale rappresentano circa l'80% delle morti globali materne e infantili. I paesi in conflitto o in crisi umanitaria hanno spesso sistemi sanitari deboli che impediscono a donne e bambini di accedere a cure salvavita essenziali.

Grazie alla copertura sanitaria universale il mondo ha compiuto – secondo Oms e Unicef - notevoli progressi nella riduzione della mortalità infantile e materna. Dal 1990, c'è stata una riduzione del 56% delle morti di bambini sotto i 15 anni da 14,2 milioni di morti a 6,2 milioni nel 2018. I paesi dell'Asia orientale e sud-orientale hanno compiuto i maggiori progressi, con un calo dell'80% nei minori di cinque anni morti.

E dal 2000 al 2017, secondo le informazioni sulle stime di mortalità materna, il tasso di mortalità materna è diminuito del 38%. L'Asia meridionale ha apportato i maggiori miglioramenti nella sopravvivenza materna con una riduzione di quasi il 60% del tasso di mortalità materna dal 2000.

Bielorussia, Bangladesh, Cambogia, Kazakistan, Malawi, Marocco, Mongolia, Ruanda, Timor Est e Zambia sono alcuni dei paesi che hanno mostrato progressi sostanziali nella riduzione della mortalità infantile o materna. Il successo è stato dovuto alla volontà politica di migliorare l'accesso a un'assistenza sanitaria di qualità investendo nel personale sanitario, introducendo assistenza gratuita per donne in gravidanza e bambini e supportando la pianificazione familiare. Molti di questi paesi si concentrano sull'assistenza sanitaria di base e sulla copertura sanitaria universale.

L’Italia ha ridotto il tasso di mortalità infantile tra il 1990 e il 2018 dal 10 al 3 per mille nati.

Per i bambini che sopravvivono al primo mese, le malattie infettive come la polmonite, la diarrea e la malaria rappresentano la maggior parte dei decessi a livello globale. Nei bambini più grandi, gli infortuni, inclusi gli incidenti stradali e l'annegamento, diventano importanti cause di morte e disabilità.

I decessi materni sono causati da complicanze ostetriche come la pressione alta durante la gravidanza e sanguinamenti gravi o infezioni durante o dopo il parto; e sempre più a causa di una malattia o condizione esistente aggravata dagli effetti della gravidanza. 

L'obiettivo di porre fine alla mortalità materna prevenibile (obiettivo 3.1 dell'SDG) è di ridurre il rapporto globale di mortalità materna (MMR) a meno di 70 per 100.000 nati vivi entro il 2030. Il mondo non raggiungerà questo obiettivo di oltre 1 milione di vite salvate se l'attuale ritmo dovesse proseguire.

L'obiettivo dell'SDG (3.2) per porre fine alle morti prevenibili di neonati e bambini al di sotto dei 5 anni è di ridurre la mortalità neonatale ad almeno 12 per 1000 nati vivi e la mortalità sotto i 5 anni ad almeno 25 per 1000 nati vivi. 

Nel 2018, 121 paesi avevano già raggiunto questo tasso di mortalità sotto i cinque anni. Tra i restanti 74, 53 paesi dovranno accelerare i progressi per raggiungere l'obiettivo sulla sopravvivenza dei bambini entro il 2030.

 


20 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy