Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Brexit sempre più incerta. E per la sanità cosa succederà?

di Grazia Labate

Dalla carenza di personale ai medicinali, sono molte le preoccupazioni degli analisti per la sanità britannica in vista di una Brexit ancora molto incerta nelle sue dinamiche. Ed ora tutta la partita potrebbe comunque essere rimandata a gennaio 2020 con la possibilità di elezioni anticipate a dicembre che potrebbero rimescolare le carte. Ecco cosa si teme e cosa potrebbe accadere

26 OTT - L'impatto della Brexit sul Servizio sanitario nazionale britannico (Nhs) è stato fonte di dibattito e polemiche da quando la cifra di 350 milioni di sterline in più per il Nhs è apparsa sul fianco di un autobus durante il referendum dell'UE nel 2016.
Mentre ci avviciniamo al 31 ottobre 2019, data ufficiale (in teoria, e in attesa di capire cosa accadrà realmente) per il Regno Unito dell'uscita dall'UE, quale sarà l'impatto della Brexit per il SSN, il suo personale e i suoi pazienti?
 
Ne parlo con alcuni colleghi dell’Università di Birmingham e mi esternano una lunga lista di preoccupazioni.
Il professor Jean McHale che è stato coautore del rapporto, Cost of No Deal , in una Europa che cambia ci avverte che in primo luogo, ci sarà un problema del reclutamento e fidelizzazione di professionisti del Nhs dagli Stati membri dell'UE, in particolare infermieri. Dopo il referendum, c'è stato un enorme calo del numero di infermieri dei paesi dell'UE.
 
Proprio ieri, il Royal College of Nursing ha avvertito che la Brexit potrebbe influire in particolare sul personale infermieristico situato vicino al confine con la Repubblica d'Irlanda e che ciò rappresenta una grande minaccia per l'assistenza ai pazienti. Infatti la collaborazione e cooperazione transfrontaliera con l’Irlanda attualmente facilita le prestazioni di cure in una serie di settori.
Ad esempio, la cardiochirurgia infantile non viene più eseguita nell'Irlanda del Nord e i bambini vengono invece trasferiti in un ospedale di Dublino.
Con questo, come con molte altre domande, la chiarezza sulla posizione del confine irlandese è di vitale importanza.
 
Se un accordo di recesso con l'UE non viene concluso e il Regno Unito entra in una situazione di non collaborazione, i pazienti del Regno Unito non saranno più in grado di fare affidamento sulle loro tessere di assicurazione sanitaria europea (TEAM) che attualmente danno accesso a costi gratuiti o ridotti per necessità di assistenza medica negli Stati membri dell'UE.
 
L'accordo di recesso prevede che gli attuali cittadini del Regno Unito all'estero, come i pensionati in Spagna, abbiano il diritto di accedere all'assistenza sanitaria ai sensi dei diritti reciproci dell'UE in vigore - senza di essa, potrebbero essere soggetti a costi considerevoli per il trattamento in caso di malattia.
 
Coloro che viaggiano in quel momento sarebbero invitati a garantire un'assicurazione di viaggio completa. Alcuni pazienti con disturbi complessi, che non sono in grado di ottenere un'assicurazione di viaggio accessibile, possono persino decidere di non poter correre il rischio di viaggiare.
Anche se esiste un accordo di recesso e un periodo di transizione fino a dicembre 2020, non esiste ancora un accordo sul fatto che l'assicurazione TEAM continuerà in futuro.
 
Ma che dire dei cittadini del Regno Unito? Quale impatto avrà Brexit sulla fornitura e l'accesso ai medicinali, ad esempio?
Sono state espresse preoccupazioni in merito a possibili nuovi ritardi doganali in uno scenario senza accordi.
Il governo del Regno Unito ha indicato che provvederà ad una scorta di medicinali per sei settimane . Nel caso di prodotti che hanno una durata di conservazione limitata, come gli isotopi medici utilizzati dai radiografi, saranno predisposti accordi specifici per il loro trasporto aereo nel Regno Unito.
 
Ma tali accordi comportano costi aggiuntivi considerevoli per il Nhs. Allo stato attuale, senza un accordo specifico stipulato con l'UE in materia di medicinali, dopo la Brexit anche il Regno Unito non farà più parte del regime normativo dell'UE.
 
Che cosa significa questo? Attualmente alcuni, sebbene non tutti, i medicinali commercializzati nel Regno Unito sono soggetti all'approvazione di un ente dell'UE, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e alcuni farmaci come i medicinali pediatrici devono passare attraverso questo processo centralizzato. Se approvato dall'EMA, l'autorizzazione è valida in tutta l'UE.
 
Il governo ha dichiarato che ci saranno a breve consultazioni sulle modifiche necessarie alla legislazione del Regno Unito in questo settore, compreso il nuovo regolamento per i medicinali attualmente approvati dall'EMA.
Mentre ciò regolarizzerebbe la situazione nel Regno Unito, i produttori dovrebbero ottenere un'ulteriore approvazione se intendessero commercializzare i farmaci altrove.
 
Il governo ha anche indicato di voler continuare ad allinearsi con il diritto dell'UE che regola gli studi clinici sui farmaci; c'è un nuovo regolamento che dovrebbe entrare in vigore entro il 2019, staremo a vedere che accadrà.
Senza un accordo speciale, il Regno Unito sarà quindi escluso da altri aspetti del processo di approvazione di questi studi, come un nuovo database centralizzato dell'UE.
 
Una volta che non fa più parte della struttura normativa farmaceutica dell'UE, il Regno Unito potrebbe non essere più visto dalle compagnie farmaceutiche come un mercato prioritario di lancio dei nuovi farmaci.
Ciò significherebbe che nuovi farmaci potrebbero essere lanciati più tardi nel Regno Unito rispetto ad altri paesi dell'UE, e di conseguenza i pazienti potrebbero soffrirne la carenza.
 
Ma sulla Brexit, e sul come e quando e anche il "se", c'è ancora molta incertezza e la questione vitale della frontiera irlandese rimane da risolvere.
La prospettiva di una Brexit senza accordo, di una sempre più probabile campagna elettorale e con un NHS già a corto di liquidità, disperatamente preoccupato perché a corto di risorse e personale, è un vero problema.
 
Ma ormai il tempo stringe. Il primo ministro Boris Johnson ha proposto le elezioni generali anticipate il 12 dicembre. I parlamentari hanno già respinto due volte le elezioni e ora dovrebbero votare di nuovo lunedì prossimo.
Ai sensi della legge sui parlamenti a tempo determinato, i due terzi di tutti i parlamentari - 434 in totale - devono sostenere un'elezione anticipata perché avvenga.
 
Johnson ha affermato che avrebbero avuto più tempo per prendere in considerazione il disegno di legge Brexit. Avrebbero avuto tempo fino a quando il Parlamento si sarebbe sciolto poco dopo la mezzanotte del 6 novembre.
 
Alcuni parlamentari si sono già lamentati del fatto che non è stato concesso molto più tempo di quanto offerto prima, quando hanno respinto il calendario proposto dal governo.
 
È stato anche sottolineato che, legalmente, il primo ministro poteva scegliere una diversa data elettorale.
Se i parlamentari votano contro le elezioni, il governo non riporterà la sua proposta di legge sulla Brexit affinché i parlamentari possano discutere.
Si prevede che l'UE accetti la richiesta del Regno Unito di un ritardo sulla Brexit, sebbene non sia chiaro se la nuova data sarà il 31 gennaio 2020.

Se i parlamentari acconsentono alle elezioni, ma il disegno di legge non supera tutte le sue fasi prima del 6 novembre, le elezioni si terranno comunque. L'UE sta attualmente valutando la richiesta di proroga del Regno Unito. Tutte e 27 le nazioni dell'UE devono accettarlo. Se accettano un'estensione fino al 31 gennaio 2020, questa diventerà la nuova data per la Brexit.
 
Se l'UE propone una data diversa da questa, anche una breve "proroga tecnica" di alcuni giorni, il primo ministro deve approvarla a meno che non venga presentata una mozione ai parlamentari e decidano di non approvarla.
Se l'UE rifiuta di concedere un ritardo al Regno Unito, la Brexit avverrà il 31 ottobre alle ore 23:00.
Lasciare senza un accordo (o un accordo di recesso) significa che il Regno Unito uscirà immediatamente dall'unione doganale e dal mercato unico.
 
In qualsiasi momento l'opposizione potrebbe chiedere una mozione di sfiducia verso il governo. Il leader laburista Jeremy Corbyn in precedenza aveva detto che avrebbe presentato una simile proposta.
Se più parlamentari votassero per la mozione di sfiducia, ci sarebbe una finestra di 14 giorni per vedere se l'attuale governo - o uno alternativo con un nuovo primo ministro potrebbe ottenere un voto di fiducia.
Se nessuno lo fa, seguiranno le elezioni generali.
 
Potrebbe esserci anche un altro referendum, sebbene esso richiederebbe sicuramente un ritardo della Brexit e, molto probabilmente, preceduto da un cambio di governo.
Il referendum potrebbe avere lo stesso status giuridico di quello del 2016. Sarebbe consultivo e il governo dovrebbe decidere come rispondere una volta che il risultato sarà noto.
 
Un'alternativa sarebbe quella di organizzare un cosiddetto referendum "di conferma". Sarebbe tra un particolare accordo sulla Brexit e rimarrebbe - o possibilmente senza alcun accordo come opzione. Il risultato di questo tipo di referendum sarebbe giuridicamente vincolante.
In entrambi i casi, il nuovo referendum richiederebbe l'istituzione di una legge. Ci dovrebbe anche essere tempo per la Commissione elettorale di prendere in considerazione la formulazione della domanda, soprattutto se si tratta di un referendum con più di due opzioni.
Gli esperti dell'Unità costituzionale dell'University College di Londra affermano che occorrerebbero almeno 22 settimane.
 
Esiste anche la possibilità legale di annullare del tutto la Brexit revocando l'articolo 50. Ma chiaramente, questo non è qualcosa che l'attuale governo sta pensando - quindi è davvero possibile immaginare questo risultato solo dopo un cambio di governo.
I liberaldemocratici hanno affermato che se avessero vinto la maggioranza alla Camera dei Comuni avrebbero invocato l'articolo 50 e annullato la Brexit
 
Dunque un gran pasticcio in cui la Patria di Giovanni Senza Terra e della Magna Carta Libertatum si è cacciata affascinata nel terzo millennio da un sovranismo ed un solipsismo impossibili.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità

26 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy