Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Censis. Italiani vogliono norme più severe su droga, alcol, cibo, fumo, guida e prostituzione


Tra i vari aspetti dell’identikit degli italiani tracciato dal Censis, spunta un approccio decisamente “punitivo” e “repressivo” verso comportamenti considerati dannosi o pericolosi per sé e gli altri. Prevale la delega all'autorità rispetto a meccanismi autoregolatori del comportamento.

13 MAR - Quali sono i valori degli italiani a 150 anni dall’Unità del Paese? Se lo è chiesto il Censis che ha realizzato un’ampia ricerca presentata oggi che offre molti spunti per un’analisi del “chi siamo” oggi.

Per quanto ci riguarda ci soffermiamo su alcuni aspetti analizzati dal Censis, rimandando al testo della ricerca in allegato per il quadro complessivo di questo identikit socio-valoriale.
In particolare ci ha interessato l’approccio ad alcune problematiche controverse come quelle legate alla droga e all’alcol ma anche alla guida pericolosa e alla cattiva alimentazione e ancora al fumo e alla prostituzione.
Con un’insolita chiave di lettura il Censi ha infatti messo in linea questi sei aspetti verso i quali l’approccio degli italiani è decisamente di stampo proibizionistico-repressivo.

Per il 76,3% degli italiani bisognerebbe infatti adottare un approccio più restrittivo nelle problematiche che riguardano l’alcol. Il 73,7% la pensa così per ciò che riguarda le droghe leggere e l’89% per ciò che riguarda le droghe pesanti. E poi l’87% dei cittadini vorrebbe si adottassero misure più severe per contrastare i fenomeni legati alla guida pericolosa e questa deriva restrittiva si estende alla cattiva alimentazione (sulla quale il 47% vorrebbe si praticassero interventi normativi più stringenti). La spinta restrittiva è meno intensa per il fumo, il consumo di sigarette, con il 32,8% che si dichiara soddisfatto dell’attuale legislazione e il 15% che vorrebbe norme più tolleranti.

Nella postsoggettività - sottolinea il Censis - la società è attraversata da pulsioni autoritarie e di fronte al dilagare di una serie di comportamenti che il libero arbitrio valuta come legittimi e praticabili in modo diffuso, ci si rivolge alla legge sperando in un ripristino d’autorità, dall’esterno, di legge e ordine. E’ quasi un segnale – conclude - a-contrario di impotenza, di incapacità nel generare meccanismi autoregolatori delle pulsioni.
  

 

13 marzo 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy