Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 LUGLIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Gimbe: “Dopo battage mediatico della Fase 1, nella Fase 2 poca comunicazione istituzionale. Così si alimenta senso falsa sicurezza”


La Fondazione conferma il consistente alleggerimento di ospedali e terapie intensive quale effetto del lockdown, ma esclude una minore gravità della Covid-19. Tuttavia invita a non abbassare la guardia, sia perché le improrogabili riaperture si basano su dati relativi a 2-3 settimane fa, sia perché continua a mancare un sistema di monitoraggio univoco tra le regioni.

04 GIU - Il monitoraggio sull'andamento dell'epidemia Covid della Fondazione Gimbe conferma nella settimana 28 maggio-3 giugno sia la costante riduzione del carico su ospedali e terapie intensive, sia l’ulteriore rallentamento di contagi e decessi.
 
Questo il quadro fornito oggi dalla Fondazione:
• Casi totali: +2.697 (+1,2%)
• Decessi: +529 (+1,6%)
• Ricoverati con sintomi: -1.987 (-25,7%)
• Terapia intensiva: -152 (-30,1%)
 
“Dai dati disponibili ad oggi sull’andamento dell’epidemia – sottolinea il presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta - emergono tre ragionevoli certezze: innanzitutto, il via libera del 3 giugno è stato deciso sulla base del monitoraggio relativo a 2-3 settimane prima; in secondo luogo l’attitudine alla strategia delle 3T (testing, tracing, treating) è molto variabile tra le Regioni e non esistono dati sistematici sugli screening sierologici; infine, rispetto al battage mediatico della fase 1, la comunicazione istituzionale si è notevolmente indebolita, alimentando un senso di falsa sicurezza che può influenzare negativamente i comportamenti delle persone”.

 
“Con l’interruzione della conferenza stampa della Protezione Civile - rimarca Giombe - , l’unico appuntamento istituzionale, più per addetti ai lavori, rimane infatti quella settimanale dell’ISS e peraltro i dati completi dei 21 indicatori previsti dal Decreto 30 aprile 2020 del Ministero della Salute, né quelli dell’aggiornamento del “Quadro sintetico complessivo” sul monitoraggio regionale, non sono pubblicamente disponibili a cittadini e ricercatori”.
 
“La Fondazione Gimbe – conclude Cartabellotta – ribadisce la necessità di non abbassare la guardia perché il Paese non può permettersi nuovi lockdown: il rischio di una seconda ondata dipende, oltre che da imprevedibili fattori legati al virus, dalle strategie di tracciamento e isolamento dei casi attuate dalle Regioni e dai comportamenti individuali. Se tuttavia l’improrogabile scelta di riaprire per rilanciare l’economia si è basata solo sull’andamento dei ricoveri e delle terapie intensive, è giusto dichiararlo apertamente ai cittadini con un gesto di grande onestà e responsabilità politica”.

04 giugno 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy