Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Mes? Sì, grazie

di Saverio Proia

È quanto mai fondamentale, strategico e vitale che lo Stato italiano accetti i fondi economici messi a disposizione dal MES finalizzati e vincolati al potenziamento del nostro Ssn: di questo “ristoro economico” ne hanno  bisogno il personale, i distretti, gli ospedali i dipartimenti di prevenzione e di salute menate delle nostre Aziende Sanitarie come le strutture di ricerca sanitaria e biomedica per dare la migliore risposta di salute individuale e collettiva

01 LUG - La tragica vicenda della pandemia ha dimostrato l’enorme valore e la straordinaria forza e vitalità del nostro Servizio Sanitario Nazionale e soprattutto delle centinaia di migliaia di professionisti ed operatori, veri produttori di salute, che sottorganico, talora con contratti precari e con retribuzioni inferiori alla media UE, hanno dimostrato di essere la migliore risorsa umana e professionale.
 
Stati che non hanno questo sistema pubblico universale e solidaristico di tutela della salute hanno pagato e stanno pagando un tributo enorme di vite umane al virus: la legge 833/78 è stata ed è la più innovativa e profonda riforma mai realizzata nel nostro Paese.
 
Certamente se i contenuti e la visione strategica della legge 833/78 fossero stati integralmente attuati in questi decenni l’impatto con questa pandemia avrebbe avuto minore vittime e minori conseguenze sullo stato di salute ma anche sulla nostra economia.
Purtroppo, in questi anni la sanità è stata considerato non quello che è cioè il più grande investimento produttivo di uno stato e di una società bensì una spesa quasi improduttiva da tagliare periodicamente sottraendo servizi, presidi e personale alla tutela della salute individuale e collettiva.

 
Ora, quello che è stato erroneamente, ed è un eufemismo, tolto alla sanità italiana con i fondi che potranno essere messi a disposizione dal MES, senza oneri né indebitamento per i contribuenti italiani, potrebbero essere restituiti, questo sì con gli interessi, per attuare, finalmente, quello che la legge 833/78 di riforma sanitaria aveva indicato e del quale nel cammino successivo in parte larga è stata persa la memoria ad iniziare dalla reale edificazione di una diffusa e capillare rete territoriale sanitaria e sociosanitaria di tutela della salute con l’attivazione di risorse umane interprofessionali in grado di fare reali attività di prevenzione, cura e riabilitazione per lo stato di salute fisico e psicologico, per rendere il nostro sistema ospedaliero più sicuro e innovativo, per qualificare ed incentivare la nostra ricerca sanitaria e biomedica.
 
Per questi motivi è quanto mai fondamentale, strategico e vitale che lo Stato italiano accetti i fondi economici messi a disposizione dal MES finalizzati e vincolati al potenziamento del nostro Servizio Sanitario Nazionale: di questo “ristoro economico” ne hanno quanto mai bisogno il personale, i distretti, gli ospedali i dipartimenti di prevenzione e di salute mentale delle nostre Aziende Sanitarie come le strutture di ricerca sanitaria e biomedica per dare la migliore risposta di salute individuale e collettiva.

 
Saverio Proia

01 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy