Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 21 OTTOBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. In tutta la Ue frena l’eccesso di mortalità registrato fino alla primavera scorsa. In Italia si è passati dal +19,8% di aprile al +2,9% di luglio


Eurostat ha aggiornato le sue rilevazioni sull’eccesso di mortalità registrato nella Ue a seguito della pandemia. Il calo dopo il picco di aprile 2021 (+20%) e il +40% di novembre 2020 (rispetto alle medie degli stessi mesi 2016 – 2019). L'eccesso di mortalità continua tuttavia a variare tra gli Stati membri dell'UE: da circa -3% in Belgio e Svezia a +25% in Grecia e +26% a Cipro nel luglio 2021.

16 SET - Nel luglio del 2021, il trend in crescita nell’eccesso di mortalità nella UE è sceso fino al +4,4%, il tasso più basso dal luglio 2020 (+ 2,8%).
L’eccesso di mortalità si riferisce al numero di decessi per tutte le cause misurato durante una crisi, superiore a quello che potrebbe essere osservato in condizioni "normali".
 
L'eccesso di mortalità continua tuttavia a variare tra gli Stati membri dell'UE: da circa -3% in Belgio e Svezia a +25% in Grecia e +26% a Cipro nel luglio 2021.
 
In Italia l’eccesso di mortalità registra ancora valori col segno + ma certamente non paragonabili ai picchi registrati l’anno scorso e nella primavera 2021: siamo infatti passati dal +49,6% di marzo 2020 e al +19,8% di aprile 2021 al +2,6% di giugno e al +2,9% di luglio.
 
L'eccesso di mortalità a livello europeo è comunque in diminuzione da maggio 2021, dopo un picco ad aprile 2021 (+20%) e dopo ben il +40% a novembre 2020 (rispetto alle medie degli stessi mesi 2016 – 2019).
 
Nel 2020, l'UE ha sperimentato due cicli di mortalità eccessiva: il primo tra marzo e maggio 2020 (con un picco di +25% ad aprile), poi uno più lungo tra agosto 2020 e fine anno (con un picco di + 40% a novembre).
 
Durante la fase iniziale della pandemia di COVID-19, nelle regioni italiane e spagnole sono stati registrati alcuni dei tassi di mortalità in eccesso più elevati dell'UE. Ad aprile 2020, tre paesi avevano un eccesso di mortalità superiore al 50 %: Spagna (80,5 %), Belgio (73,1 %) e Paesi Bassi (53,8 %).
 
Altri quattro paesi hanno superato un aumento del 35 % della mortalità ad aprile, vale a dire l'Italia (41,7 %, sebbene l'aumento più elevato si fosse già verificato a marzo con il 49,6 %), la Svezia (38,2 %), l'Irlanda (37,1 %) e la Francia (36,4 %).
 
Nell'aprile 2020, il Lussemburgo ha registrato un tasso di mortalità in eccesso del 18,5%, l'Austria dell'11,0% e la Germania del 9,0%. Diversi paesi, tuttavia, hanno registrato un aumento della mortalità in eccesso negli altri mesi del 2020: Malta (16,7 %) a marzo, Cipro (25,0 %) a maggio, Lituania (8,2 %) e Slovenia (9,5 %) a giugno e Portogallo (25,8 %) ) nel mese di luglio. In tutti questi paesi, un periodo di inizio estate relativamente stabile (rispetto al periodo di riferimento 2016-2019) ha seguito l'elevato aumento della mortalità in primavera.
 
Poi, un secondo forte aumento si è verificato nella maggior parte degli Stati membri, anche in quelli non particolarmente interessati dai picchi primaverili. Oltre il 10% di aumento rispetto al valore di riferimento è stato registrato per la prima volta in Romania a luglio, in Polonia ad agosto e in Cechia e Grecia a settembre 2020.
 
A partire da settembre 2020, l'aumento è stato maggiore e più diffuso, raggiungendo nuovi picchi a novembre, con tassi significativi in Polonia (97,0 %), Bulgaria (94,0 %), Slovenia (91,3 %), Cechia (75,8 %), Romania (62,6 %) e Ungheria (59,2 %). I paesi che erano già stati fortemente colpiti nella primavera del 2020 hanno registrato nuovamente elevati tassi di mortalità in eccesso a novembre: cfr. Belgio (58,8 %), Italia (51,6 %), Austria (47,8 %), Malta (38%).
 
A gennaio e febbraio 2021 è stata osservata una leggera diminuzione della curva di sovramortalità per la maggior parte dei paesi, proseguendo il trend di fine 2020. Un nuovo picco più contenuto è seguito a marzo e aprile 2021, raggiungendo il 20% di sovramortalità rispetto al periodo di riferimento 2016-2019: alcuni paesi avevano tassi molto elevati, con tassi di mortalità in eccesso superiori al 50 % in Bulgaria (76,2 %), Polonia (65,3 %), Repubblica ceca (61,4 %), Slovacchia (54,6 %) e Ungheria (50,6 %) , mentre altri (ad es. Portogallo, Danimarca, Svezia e Finlandia) non hanno registrato alcun eccesso di decessi.
 
A maggio 2021, la tendenza generale ha iniziato a diminuire, con il numero di decessi che si avvicinava al valore di riferimento registrato tra il 2016 e il 2019.
 
A giugno e luglio, il numero complessivo di decessi nell'Unione europea è ulteriormente diminuito, raggiungendo un tasso complessivo di 4,4 % nel luglio 2021, il tasso più basso dell'anno da luglio 2020. Nonostante il calo a livello dell'UE, la gamma di valori varia notevolmente tra i paesi, con Grecia, Cipro, Malta, Croazia, Estonia, Lituania, Lettonia, Polonia e la Slovenia che registrano ancora tassi di mortalità in eccesso tra il 13 % e il 26 % nel giugno-luglio 2021.
 


16 settembre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Tabella

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy