Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Studio della Regione Emilia-Romagna conferma: chi è senza vaccino rischia fino a 15 volte di più


Nella platea considerata dall’analisi, i vaccinati al 30 giugno scorso, l’efficacia media dopo il completamento del ciclo vaccinale è superiore all’82% nel prevenire le infezioni, oltre il 91,4% nell’evitare i ricoveri, ordinari o in terapia intensiva, e pari al 93,5% dei decessi. Al contrario, “per i non vaccinati l’incidenza, che è più elevata, si mantiene costante nel tempo”.

30 SET - Chi non fa il vaccino contro il Covid rischia il contagio cinque volte in più, il ricovero otto volte in più e la morte 15 volte in più. Una copertura che vale in termini di durata anche rispetto alla variante Delta: dopo sette mesi, l’efficacia del vaccino resta all’80%.
 
A confermarlo è lo studio condotto dalla Regione Emilia-Romagna, che ha analizzato l’incidenza del Covid-19 e delle sue conseguenze a livello regionale nel periodo dal 26 agosto al 22 settembre. Nella platea considerata dall’analisi, quindi i vaccinati al 30 giugno scorso, l’efficacia media dopo il completamento del ciclo vaccinale è superiore all’82% nel prevenire le infezioni, oltre il 91,4% nell’evitare i ricoveri, ordinari o in terapia intensiva, e pari al 93,5% dei decessi.

Lo studio della Regione conferma anche la tenuta dei cicli di immunizzazione: con una media di sette mesi trascorsi dopo la vaccinazione, l’efficacia si mantiene superiore all’80% nei confronti delle infezioni e al 91% per i ricoveri. Inoltre, sia per gli operatori sanitari sia per gli anziani ospiti nelle strutture residenziali, l’efficacia media del vaccino nei confronti della trasmissione si mantiene intorno al 90%, con una leggera riduzione nelle ultime settimane (85%). Nel frattempo le somministrazioni delle terze dosi per i fragili in Emilia-Romagna hanno superato il tetto delle 3.300 dosi negli ultimi nove giorni.

Tra fine luglio e fine settembre, spiega ancora la Regione, in Emilia-Romagna “l’incidenza di infezioni e ricoveri si conferma molto più elevata nei non vaccinati che nei vaccinati“. In particolare, per quanto riguarda i ricoveri in ospedale o in terapia intensiva, “tra i vaccinati con ciclo completo si registra una tendenza ulteriore alla riduzione nelle ultime settimane”. Al contrario, “per i non vaccinati l’incidenza, che è più elevata, si mantiene costante nel tempo”.
 
Per quanto riguarda le fasce di età, a settembre le infezioni riguardano “principalmente gli under 40 non vaccinati, mentre nei ricoveri sono coinvolti soprattutto i 60-79enni non vaccinati“. Un quadro che si conferma costante nelle singole province dell’Emilia-Romagna, tra le quali “non figurano differenze significative” rispetto ai dati delle Ausl.
 
Per quanto riguarda i decessi, infine, nelle quattro settimane prese in esame dallo studio della Regione sono stati rilevati 85 decessi, 69 dei quali nella popolazione over 80. I restanti 16 si sono verificati nelle fasce di età 60-79 anni (14 decessi) e nella classe 40-59 anni (due decessi). “In queste due classi l’incidenza di decesso è 4,4 volte superiore nei non vaccinati rispetto ai vaccinati”, sottolinea la Regione.

30 settembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy