Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 08 MAGGIO 2021
Toscana
segui quotidianosanita.it

Opi Firenze-Pistoia ricorda Luca Benci: “Un innovatore, un filosofo, un giurista della professione infermieristica”

A un anno dalla sua scomparsa, l’Ordine interprovinciale delle professioni infermieristiche Firenze-Pistoia dedicato un messaggio alla  memoria di Luca Benci, giurista esperto di diritto sanitario, membro del Consiglio superiore di sanità e per anni commentatore del diritto sanitario per Quotidiano Sanità.  “Sarà difficile ritrovare ancora la stessa caratura del suo operato schietto, intelligente e raffinato”, dichiara il Direttivo dell’Opi.

01 MAR - A un anno dalla sua scomparsa, l’Ordine interprovinciale delle professioni infermieristiche Firenze-Pistoia ricorda Luca Benci: “Abbiamo avuto la possibilità di lavorare con lui fianco a fianco, abbiamo avuto il privilegio di imparare dalla sua scienza, che oltre all’infermieristica era il diritto, e che riusciva a compenetrare e ad amalgamare, dandoci una visione superiore di quello che era l’agire quotidiano di un infermiere”, scrive l’Opi nel suo ricordo.

Ecco il messaggio integrale dell’ Firenze-Pistoia in ricordo di Luca Benci:

“‘Panta rei’ diceva Eraclito, tutto scorre… non possiamo bagnarci due volte nelle acque dello stesso fiume. Siamo destinati ad andare avanti come persone e come professionisti. La stessa cosa vale per la nostra professione, l’infermieristica.

Un anno fa veniva a mancare un propulsore, un innovatore, un interprete, un filosofo, un giurista della professione infermieristica: Luca Benci. Luca era tutto questo e anche di più, era un infermiere al servizio dell’infermieristica e dell’infermiere. Come un Samurai serviva il suo Daimyo, lui serviva la sua professione con interpretazioni, saggi, corsi di formazione, consigli personali, per mettere la sua competenza e la sua passione a disposizione di tutti i professionisti: in un certo modo, si può dire, era un infermiere degli infermieri.


Abbiamo avuto l’onore, prima come Collegio e poi come Ordine, di avere Luca tra le nostre fila. Abbiamo avuto la possibilità di lavorare con lui fianco a fianco, abbiamo avuto il privilegio di imparare dalla sua scienza, che oltre all’infermieristica era il diritto, e che riusciva a compenetrare e ad amalgamare, dandoci una visione superiore di quello che era l’agire quotidiano di un infermiere.

Vedendolo lavorare, partecipando alla progettazione di alcuni dei suoi corsi, chiedendo spesso il suo aiuto per i nostri impegni istituzionali, abbiamo potuto apprezzare da vicino il suo valore. Per lui il tempo era il “qui e ora”, il tempo della vita era il tempo dell’agire, e la sua parola corrispondeva già all’impegno a realizzare qualcosa.

Un anno fa, in questi giorni, stavamo vivendo come conoscenti, amici, colleghi, il suo avvicinamento alla morte, e anche in questa occasione, come un Samurai, lo abbiamo visto affrontare con onore, gentilezza, eleganza e determinazione, i suoi ultimi passi in questa vita terrena. Ricordiamo tutti come quei momenti ci videro stretti attorno al pensiero non avremmo avuto più tra noi quel grande uomo che aveva scritto e interpretato il diritto in maniera esemplare ed autentica, facendo di una passione una professione nella professione. Un uomo che si è messo a disposizione di chi tutti i giorni, con professionalità e impegno, assiste le persone bisognose.

Era un infermiere, un collega, e siamo coscienti che sarà difficile ritrovare ancora la stessa caratura del suo operato schietto, intelligente e raffinato.

Buon viaggio Luca, buon viaggio dai colleghi del Consiglio Direttivo, delle Commissioni d’Albo Infermieri e Infermieri Pediatrici e da tutti gli iscritti. Grazie per tutto quello che ci hai insegnato”.


01 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy