Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Umbria
segui quotidianosanita.it

Terapia Intensiva Neonatale. All'Ao di Perugia la sfida è un reparto all'avanguardia sempre più vicino alla famiglia


La TIN di perugia è Hub regionale di rierimento multi specialistico. “Abbiamo un alto indice di sopravvivenza con normali outcome a distanza anche nei bambini al di sotto dei 700 gr di peso”. Ma la sfida è realizzare un'assistenza che coinvolga l'intera famiglia, con un reparto “il più aperto possibile ai genitori, coinvolgendoli nel processo di cura” anche se la TIN è per loro “un luogo doloro perché accoglie il loro bambino la maggior parte del tempo in condizioni critiche”.

27 GIU - Un reparto ospedaliero di avanguardia non è solo quello che offre le cure mediche migliori, ma è anche quello in cui medicina e umanizzazione si coniugano. Ed è questo che guida l’attività dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale presente, da oltre trent’anni, presso l’Azienda Ospedaliera di Perugia e Hub regionale di riferimento con capacità multi specialistiche per il ricovero di neonati con patologie tali da richiedere sostegno delle funzioni vitali. La TIN di Perugia è responsabile anche dello STEN, il Servizio di Trasporto di Emergenza Neonatale (unico nella Regione) che centralizza da tutta l’Umbria i neonati critici presso la struttura dell’Azienda Ospedaliera.

La Terapia Intensiva Neonatale di Perugia diretta dalla dottoressa Stefania Troiani fa parte della Struttura Complessa di TIN-Neonatologia ed è un reparto di eccellenza nel trattamento di questi bambini. È costituito da 6 posti letto forniti di postazioni attrezzate di rianimazione neonatale avanzata e 2 posti sempre ad alta intensità di cura in area di isolamento. Vi sono, inoltre, 8 posti di semintensiva dove sono comunque presenti postazioni attrezzate per la ventilazione non invasiva, la nutrizione parenterale e il supporto dei parametri vitali.

“TIN è l'acronimo di Terapia Intensiva Neonatale ed è il reparto in cui vengono curate le patologie mediche e chirurgiche del neonato pretermine o giunto a termine di gravidanza con problematiche congenite, chirurgiche o problematiche acquisite – spiega la dottoressa Troiani in un approfondimento realizzato dall’Ao - Non tutti gli ospedali sono dotati di questo reparto, perché al loro interno non sempre si trovano tutte le specialità necessarie per assistere i piccoli pazienti. In più, negli anni si è cercato di creare pochi centri specializzati in modo da accumulare esperienza nella cura dei neonati e aumentare le probabilità di una loro sopravvivenza senza invalidità. Presso la nostra Struttura convergono tutti i neonati con cardiopatie congenita che vanno stabilizzati, studiati e trattati e tutti i neonati con asfissia perinatale in quanto la TIN è centro di riferimento unico regionale per il trattamento di ipotermia sistemica generalizzata nel neonato e infine tutti i neonati con patologia chirurgica neonatale”.

La grande sfida di tutte le TIN all’avanguardia è la cura degli estremi prematuri. “Dall’esperienza maturata negli anni e dalle strumentazioni a nostra disposizione, abbiamo un alto indice di sopravvivenza con normali outcome a distanza, comunque paragonabile a quello delle più rinomate TIN nazionali, anche nei bambini al di sotto dei 700 gr di peso – continua la dottoressa Troiani -. Questi piccoli pazienti estremi prematuri richiedono un elevato impegno assistenziale e lunghi periodi di degenza ( ovvero 4-5-a volte 6 mesi) e follow-up specifici, ma considerando che in Italia il 7% delle nascite riguarda parti pretermine, è nostro dovere possedere adeguate skill per assistere al meglio questi neonati, secondo quanto sancito dall’Art 2 della Carta dei Diritti del Neonato Prematuro: Tutti i bambini hanno diritto di nascere nell'ambito di un sistema assistenziale che garantisca loro sicurezza e benessere…”. 

La Carta, spiega il Direttore del Reparto, “è la risposta nazionale alla ‘call to action’ dell'ex Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, il quale aveva presentato, il 22 settembre 2010 all'Assemblea Generale dell'ONU, il rapporto ‘Strategia Globale per la salute delle Donne e dei Bambini’. La prima Nazione a rispondere all'appello di Ki-moon in modo rapido ed esemplare è stata l'Italia, creando appunto il documento”.

L’unicità di questa Struttura è la costituzione, dunque, di un team multi-specialistico che opera in sinergia: chirurghi pediatrici, oculisti, cardiologi, cardiochirurghi, neurologi, neurochirurghi, otorini, radiologi, fisioterapisti. Di particolare importanza è anche il ruolo degli infermieri che, per lavorare in questo reparto, hanno effettuato lunghi periodi di training e formazione. Grande attenzione, poi, alla la “Family-Centered Developmental Care”, la medicina moderna è una medicina centrata sulle esigenze non solo mediche ma anche umane del paziente: “Questo concetto assume un ruolo ancora più importante nell’ambito neonatologico in cui  sono coinvolte le esigenze di un intero nucleo familiare”, nonché l’ampliamento del campo di applicazione delle  competenze intensive neonatologiche alla popolazione pediatrica, perché “nella realtà internazionale ed italiana è sempre più frequente la presenza di Terapie Intensive Neonatali che assistono anche lattanti e bambini fino ad 2 anni di età”.

All’interno della TIN c'è quindi una Family Room, uno spazio dedicato ai genitori, un luogo dove possono trovare conforto fra di loro, dialogare con la psicologa di supporto, riposarsi se sono lontani da casa o attendere nei momenti critici della vita dei loro piccoli bambini. L’adozione e l’applicazione di questi metodi in un reparto di Terapia Intensiva Neonatale è tutt’altro che semplice, poiché comporta necessariamente un cambiamento del tipo di assistenza che viene offerta al piccolo paziente, anzi per meglio dire una “rivoluzione” del lavoro. Si promuove, infatti, un’assistenza centrata sulla relazione e sulla comunicazione con il neonato e la sua famiglia (relationship-based).

“Le madri - spiega il Direttore della TIN di Perugia - vivono spesso la nascita prematura come un senso di fallimento: è stato dimostrato che le terapie in neonatologia che coinvolgono la madre, come il contatto pelle-a-pelle prolungato, la raccolta del latte materno per la nutrizione e la possibilità di poter stare in reparto senza limiti di tempo favoriscono il benessere della relazione mamma-bambino”. Il primo aspetto, come sottolinea la dottoressa Troiani, “è quindi avere un reparto il più aperto possibile ai genitori coinvolgendoli nel processo di cura”.

“All’interno della TIN vi è il Lactarium con la BLUD (Banca del latte umano donato). Le mamme dei neonati critici o prematuri vengono comunque coadiuvate e supportate giornalmente nel tirare e conservare il latte e, se possibile, anche nel divenire donatrici per i bambini che non hanno la possibilità di ricevere il latte dalle loro mamme”.  All’Interno della TIN dell’Ospedale di Perugia viene promossa anche la Kangooro Mother Care (contatto pelle a pelle) o marsupioterapia, che può essere effettuata anche con neonato intubato sia dal papà che dalla mamma, ed è presente un progetto di Musicoterapia, grazie al supporto dell’Associazione La Carica dei prematuri, in cui vengono registrate le voci delle mamme che cantano o raccontano storie per poi essere riprodotte al neonato con un sistema di wifi all’interno delle termoculle. Si coinvolgono le mamme nel coadiuvare l’Associazione Cuori di Maglia a produrre “nidi”, marsupi e tutto ciò che si può lavorare a maglia per “avvolgere” i loro bambini e si invitano costantemente i genitori negli appuntamenti settimanali di ‘Nati per leggere’.

“Tutte queste iniziative – conclude Troiani - convergono in un unico obiettivo, far in modo che i genitori siano presenti a Reparto, un luogo per loro doloroso perché accoglie il loro bambino la maggior parte del tempo in condizioni critiche e durante la loro permanenza “utilizzarli” come aiuto nella gestione del bambino. Le nostre fisioterapiste, presenti quotidianamente a reparto insegnano e coinvolgono i genitori in tutti i processi di cura e di fisioterapia, sia con il bambino in condizioni critiche sia nel periodo di follow-up”.

27 giugno 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Umbria

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy