toggle menu
QS Edizioni - venerdì 10 luglio 2020

Riccardi: “Il nostro focus si è spostato dagli ospedali alle fragilità e alle case di riposo”

immagine 14 aprile - “Il nostro focus si è spostato all'esterno degli ospedali rivolgendoci alle fragilità, in particolare verso le criticità che si stanno verificando nelle case di riposo”. Una nota della regione rilancia così le parole pronunciate dalla sede della Protezione civile regionale il vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso del punto stampa in videoconferenza con il governatore Massimiliano Fedriga sull'emergenza coronavirus.
 
"Nel contesto delle residenze per anziani - ha spiegato Riccardi - ci sono due modelli: le realtà grandi e organizzate e quelle di dimensioni più ridotte, dove esiste un regime di promiscuità con gli altri inquilini dello stesso stabile e non c'è la possibilità, all'interno della residenza, di creare percorsi differenziati tra gli ospiti positivi e quelli non contagiati. Per queste situazioni saranno necessari trasferimenti delle persone infettate in altra struttura. Nel frattempo sono partiti gli esami dei tamponi sia agli ospiti sia agli operatori, ampliando lo screening anche agli inquilini dell'edificio dove si trova la casa di riposo. Inoltre si sta procedendo con la sanificazione degli spazi comuni”.
 
Affrontando la situazione delle carceri, Riccardi ha evidenziato come il caso dei cinque positivi del penitenziario di Tolmezzo riguardi cinque persone trasferite da Bologna, che al momento della partenza erano risultate negative. "A riprova - ha detto - di come un solo tampone processato nello spazio di poche ore non rappresenti la certezza della sicurezza ma debba essere ripetuto più volte".
14 aprile 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata