toggle menu
QS Edizioni - venerdì 3 aprile 2020

Regioni e Asl - Toscana

Firenze. Via libera a risoluzione Armentano (Pd): “Ripristinare presidi Forze dell’Ordine nelle strutture”

immagine 30 gennaio - Nella risoluzione presentata dal capogruppo dem a Palazzo Vcchi si invita poi la Regione a verificare lo stato di attuazione della delibera su prevenzione e contrasto degli atti di violenza a danno degli operatori ed accelerarne l’applicazione nei luoghi ritenuti più a rischio; e il Comune a promuovere e sostenere campagne di sensibilizzazione sul fenomeno. Infine l’auspicio che venga approvato quanto prima alla Camera il ddl in materia di sicurezza per gli operatori sanitari. 
Via libera in commissione Sanità e politiche sociali all’atto promosso dal capogruppo Pd. “Avanti con la legge in materia di sicurezza e tutela degli operatori. Il Comune può lavorare in sinergia con ordini professionali per promuovere campagne di sensibilizzazione sul tema”.

Un invito al Governo a ripristinare i presidi delle Forze dell’Ordine all’interno delle strutture sanitarie; alla Regione a verificare lo stato di attuazione della delibera su prevenzione e contrasto degli atti di violenza a danno degli operatori ed accelerarne l’applicazione nei luoghi ritenuti più a rischio; al Comune a promuovere e sostenere campagne di sensibilizzazione sul fenomeno. Infine l’auspicio che venga approvato quanto prima alla Camera il disegno di legge recante proprio disposizioni in materia di sicurezza per gli operatori sanitari.
 
Sono gli impegni contenuti in una risoluzione promossa dal capogruppo Pd a Palazzo Vecchio Nicola Armentano che ha avuto via libera dalla commissione Sanità e politiche sociali.
 
“Oggi la sorveglianza degli ospedali viene svolta da istituti di vigilanza privata attraverso postazioni fisse agli ingressi e servizi di ronda esterna, una modalità non sufficiente per garantire la sicurezza e la tutela degli operatori e dei cittadini soprattutto nelle strutture sanitarie ove gravita un’utenza numerosa. - spiega Armentano – Esiste una delibera regionale ad hoc in materia e il Senato ha approvato all’unanimità il disegno di legge recante ‘disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni’, testo che deve essere ancora approvato dalla Camera. Verificare e valutare migliorie per quanto riguarda l’applicazione della delibera regionale è un passo importante così come l’auspicio è che la legge nazionale ora passi rapidamente alla Camera per l’approvazione. Da qui vogliamo far partire un appello a ripristinare i presidi delle Forze dell’Ordine all’interno delle strutture sanitarie".
 
"Il Comune dal canto suo può lavorare in sinergia con gli ordini professionali delle professioni sanitarie per promuovere campagne di sensibilizzazione sul tema, con l’obiettivo di creare una forte alleanza tra utenti e operatori ripristinando il rapporto di fiducia e rispetto tra le parti. La fiducia in questo settore è un elemento fondamentale. Vale per questo fenomeno come per la crescente disaffezione alla medicina tradizionale, al radicarsi di pericolose fake news, alla crescita dei no vax. Lavorare in termini di comunicazione perché questa fiducia torni a essere protagonista mai come ora diventa prioritario e elemento cruciale anche per evitare che si verifichino situazioni incresciose o veri e propri atti di violenza nei confronti di medici e operatori da parte degli utenti, troppo spesso prevenuti nei confronti di chi la va a curare”, conclude Armentano.
30 gennaio 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata