toggle menu
QS Edizioni - giovedì 9 febbraio 2023

Governo e Parlamento

“Non possiamo mai dirlo abbastanza: la vaccinazione salva vite”: l’appello congiunto di UE, Oms Europa e Ecdc

immagine 1 dicembre - “Con il continuo impatto della pandemia COVID-19 e l'impatto sulla circolazione e sulla salute di altri agenti patogeni respiratori, è difficile prevedere come si svilupperà il nuovo periodo invernale. Alla luce di ciò, non possiamo permetterci di diventare compiacenti. Dobbiamo intensificare i programmi di vaccinazione e le misure di preparazione in tutta la regione. La necessità di proteggere la salute delle nostre popolazioni, in particolare dei più vulnerabili, è più forte che mai”.

Publichiamo di seguito la dichiarazione congiunta rilasciata oggi dal Commissario per la salute e la sicurezza alimentare della UE Stella Kyriakides, dal direttore regionale dell'OMS per l'Europa, Hans Henri P. Kluge e dal direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, Andrea Ammon.

“L'epidemia della stagione influenzale 2022-2023 è iniziata presto nella regione europea con un incremento preoccupante dei casi di virus respiratorio sinciziale (RSV) e contemporaneamente il COVID-19 è ancora una minaccia.

La regione sta attualmente sperimentando una crescente circolazione di influenza e RSV. Insieme a COVID-19, si prevede che questi virus avranno un forte impatto sui nostri servizi sanitari e sulla popolazione questo inverno. Ciò evidenzia quanto sia importante per i gruppi vulnerabili vaccinarsi contro l'influenza e il COVID-19, nonché per proteggere se stessi e gli altri dalle infezioni.

Stiamo già assistendo alla circolazione di virus influenzali (A e B) in diverse parti della regione. Mentre circolano in tutte le fasce d'età e in particolare nei bambini in età scolare, i virus dell'influenza A di solito causano malattie gravi soprattutto per le persone anziane e quelle con condizioni croniche.

Un numero crescente di persone viene ricoverato negli ospedali a causa dell'influenza, con ricoveri ospedalieri in aumento da ottobre. Le nostre popolazioni di età pari o superiore a 55 anni rappresentano quasi la metà dei ricoveri ospedalieri per influenza segnalati.

In 23 paesi che riportano dati di infezione respiratoria acuta grave (SARI), ai pazienti ospedalizzati sono stati diagnosticati principalmente virus di tipo B (85%), con bambini di età pari o inferiore a quattro anni che sono i più colpiti.

Anche l'RSV è in aumento da ottobre, con circa 20 paesi e aree che hanno sperimentato un'intensificata attività di RSV.

I tassi di casi di COVID-19, i ricoveri in ospedale e nelle unità di terapia intensiva (ICU) e i tassi di mortalità sono attualmente bassi rispetto agli ultimi 12 mesi, ma questa situazione potrebbe cambiare con l'emergere di nuove varianti e la malattia continua a mettere a dura prova le risorse sanitarie.

Con il continuo impatto della pandemia COVID-19 e l'impatto sulla circolazione e sulla salute di altri agenti patogeni respiratori, è difficile prevedere come si svilupperà il nuovo periodo invernale.

Alla luce di ciò, non possiamo permetterci di diventare compiacenti. Dobbiamo intensificare i programmi di vaccinazione e le misure di preparazione in tutta la regione. La necessità di proteggere la salute delle nostre popolazioni, in particolare dei più vulnerabili, è più forte che mai.

Continuiamo a incoraggiare i più vulnerabili - anziani, donne incinte, persone con condizioni di salute di base come malattie cardiache e operatori sanitari - a farsi vaccinare contro l'influenza stagionale e il COVID-19.

Non possiamo mai dirlo abbastanza: la vaccinazione salva vite. Riduce le possibilità di essere infettati e riduce il rischio di malattie gravi da COVID-19 e influenza stagionale.

Le misure di protezione personale ci aiutano anche a tenere a bada tutti i virus respiratori – influenza stagionale, COVID-19 e RSV. Continuiamo a esortare tutti a proteggersi adottando misure semplici ma efficaci: dal lavarsi regolarmente le mani, indossare maschere ben aderenti, in particolare in ambienti affollati e chiusi con ventilazione inadeguata, allo stare lontano dagli altri quando si è malati di un virus respiratorio.

È anche importante che i paesi monitorino non solo la SARS-CoV-2, ma anche il modo in cui i virus dell'influenza e dell'RSV si diffondono e colpiscono le persone e i sistemi sanitari. La segnalazione di questi risultati all'OMS/Europa e all'ECDC aiuterà a comprendere meglio l'impatto di diversi virus respiratori che circolano ampiamente e a rafforzare ulteriormente le nostre misure di prevenzione e controllo.

Raccomandiamo inoltre ai medici di prendere in considerazione i trattamenti antivirali precoci e la profilassi per influenza, RSV e COVID-19, secondo le linee guida nazionali, per coloro che sono a rischio di malattia grave, per prevenire esiti gravi e ridurre il carico sui sistemi sanitari.

Solo essendo preparati, rimanendo vigili e continuando a fare ciò che sappiamo funzionare saremo in grado di superare la sfida di questo inverno”.

1 dicembre 2022
© QS Edizioni - Riproduzione riservata