toggle menu
QS Edizioni - domenica 9 maggio 2021

Governo e Parlamento

Vaccini Covid. Esteso a 42 giorni l’intervallo per il richiamo di Pfizer e Moderna. La circolare del Ministero col parere della Cts-Aifa

immagine 9 aprile - Per quanto riguarda Pfizer le indicazioni fino ad oggi stabilivano un intervallo temporale tra la prima e la seconda somministrazione di 21 giorni e di 28 giorni per Moderna. Il timing rimane quello ottimale per Aifa ma qualora fosse necessario è possibile arrivare fino a 42 giorni. LA CIRCOLARE
Tra la prima e la seconda dose di Pfizer e Moderna potranno passare fino a un massimo di 42 giorni. È quanto prevede una circolare del Ministero della Salute che recepisce il parere della Cts di Aifa.
 
“Valutata la richiesta pervenuta dal Commissario Straordinario per l’emergenza COVID-19 in merito alla possibilità di estendere l’intervallo temporale tra la prima e la seconda somministrazione dei vaccini a mRNA – si legge - , la CTS ribadisce che l’intervallo ottimale tra le dosi è, rispettivamente, di 21 giorni per il vaccino Comirnaty e di 28 giorni per il Vaccino COVID-19 Moderna (come indicato nei rispettivi RCP)”.
 
“Qualora – si precisa -  tuttavia si rendesse necessario dilazionare di alcuni giorni la seconda dose, la Commissione precisa che, in accordo con quanto scritto in RCP e con quanto già dichiarato dal WHO, non è possibile superare in ogni caso l’intervallo di 42 giorni per entrambi i vaccini a mRNA. Si ribadisce che per ottenere una protezione ottimale è necessario completare il ciclo di vaccinazione con la seconda dose”.
 
L.F.
9 aprile 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata