toggle menu
QS Edizioni - lunedì 22 aprile 2024

Lavoro e Professioni

Ricette mediche in una cassettina esterna allo studio. Medico sanzionato per 20mila euro 

immagine 14 febbraio - La sanzione decisa dal Garante della Privacy. Le ricette erano liberamente accessibili a chiunque, passando, avesse voluto aprire la cassettina affissa nel muro esterno dell’ambulatorio. IL PROVVEDIMENTO
Lasciava le ricette per i suoi pazienti in un contenitore posto sul muro esterno dello studio medico, senza neppure proteggerle con buste chiuse. In questo modo, chiunque poteva liberamente aprire il contenitore e conoscere il contenuto delle prescrizioni. Per questo motivo è scattata la multa del Garante per la protezione dei dati personali che ha sanzionato un medico per 20.000 euro. Il caso è raccontato nell’ultimo notiziario pubblicato sul sito internet dell’Autorità Garante.

L’istruttoria dell’Autorità, spiega il notiziario, ha preso il via da un accertamento dei N.A.S. che hanno raccolto anche le testimonianze di alcuni assistiti del medico, alcuni dei quali individuati tra quelli che avevano ritirato le ricette dal contenitore. Alla richiesta di informazioni del Garante, il medico si era giustificato affermando che la modalità di consegna delle ricette era stata attuata durante il periodo del Covid ed era stata poi mantenuta per alcuni mesi, con il consenso degli assistiti, allo scopo di agevolare il ritiro delle prescrizioni e limitare gli accessi dei pazienti allo studio medico.

Nel suo provvedimento di sanzione, l’Autorità ha ribadito che le informazioni relative alla salute possono essere sì comunicate a terzi, ma solo sulla base di un idoneo presupposto di legge o su delega scritta dell’interessato, e in ogni caso non possono mai essere diffuse. Il Garante ha inoltre ribadito quanto già affermato in passato e cioè che le ricette sanitarie possono essere lasciate presso le farmacie e gli studi medici, purché messe in busta chiusa, ma che lasciarle incustodite alla portata di tutti viola la privacy dei pazienti perché permette la diffusione di dati idonei a rivelare il loro stato di salute.

Nello stabilire l’importo della sanzione in 20.000 euro l'Autorità ha tenuto conto, tra l'altro, del gran numero dei pazienti coinvolti, della durata dalla violazione, i cui gli accertamenti sono stati eseguiti nel periodo compreso tra il 09.02.2023 e il 04.04.2023.
14 febbraio 2024
© QS Edizioni - Riproduzione riservata