toggle menu
QS Edizioni - mercoledì 17 aprile 2024

Scienza e Farmaci

Oms avverte: “L’arrivo di una nuova pandemia è solo una questione di quando, non di se. E dobbiamo prepararci, ancora oggi non lo siamo”

immagine 20 febbraio - "Ci sarà una prossima volta. La storia ci insegna che la prossima pandemia sarà una questione di quando, non se. Potrebbe essere causata da un virus influenzale, o da un nuovo coronavirus, oppure potrebbe essere causata da un nuovo agente patogeno che ancora non conosciamo, quella che chiamiamo Malattia X. Siamo pronti adesso? Non ancora. Ecco perché l’accordo sulla pandemia è fondamentale per l’umanità", ha spiegato il direttore Oms al summit dei governi mondiali.

Gli anni del Covid, i milioni di morti e i danni all'economia dei Paesi sono serviti a qualcosa? Dopo questa pandemia il mondo è pronto ad affrontare una possibile nuova minaccia per la salute? La risposta è no. Anche se sono stati fatti passi in avanti, ancora oggi il mondo sarebbe impreparato. Ne è convinto il direttore dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha affrontato questo tema al summit dei governi mondiali lo scorso 12 febbraio.

"Sei anni fa sono salito su questo palco e ho detto che il mondo non era preparato per una pandemia, e ho espresso la mia preoccupazione sul fatto che una pandemia potesse verificarsi in qualsiasi momento. Come ricorderete, meno di due anni dopo, nel dicembre 2019, colpì la pandemia di Covid e, in effetti, il mondo non era preparato. Oggi sono davanti a voi, all’indomani del Covid, con milioni di persone morte, shock sociali, economici e politici che si riverberano fino ad oggi e, sebbene siano stati compiuti alcuni progressi, il mondo non è ancora preparato per una pandemia", ha spiegato.

"Le dolorose lezioni che abbiamo imparato rischiano di essere dimenticate mentre l’attenzione si rivolge alle molte altre crisi che il nostro mondo si trova ad affrontare. Ma se non riusciamo a imparare queste lezioni, la prossima volta la pagheremo cara. E ci sarà una prossima volta. La storia ci insegna che la prossima pandemia sarà una questione di quando, non se. Potrebbe essere causata da un virus influenzale, o da un nuovo coronavirus, oppure potrebbe essere causata da un nuovo agente patogeno che ancora non conosciamo, quella che chiamiamo Malattia X. Recentemente c'è stata molta attenzione sulla Malattia X, ma in realtà non è una cosa nuova. Abbiamo usato per la prima volta il termine Malattia X nel 2018 – nello stesso periodo in cui ho parlato qui al Summit dei Governi Mondiali – per una malattia di cui ancora non siamo nemmeno a conoscenza, ma per la quale possiamo comunque prepararci. Il Covid era una Malattia X: un nuovo agente patogeno che causava una nuova malattia".

"Ma ci sarà un’altra malattia X, o una malattia Y o una malattia Z - ha aggiunto -. E allo stato attuale delle cose, il mondo rimane impreparato per la prossima malattia X e la prossima pandemia. Se accadesse domani, ci troveremmo ad affrontare molti degli stessi problemi che abbiamo dovuto affrontare con il Covid. È per questo motivo che nel dicembre 2021 gli Stati membri dell'Oms si sono incontrati a Ginevra e hanno concordato di sviluppare un accordo internazionale sulla preparazione e risposta alla pandemia: un patto giuridicamente vincolante per lavorare insieme per mantenere se stessi e gli altri al sicuro. I paesi si sono fissati una scadenza per completare l’accordo in tempo per l’adozione da parte dell’Assemblea Mondiale della Sanità nel maggio di quest’anno. Mancano ormai solo 15 settimane".

"Tuttavia - ha proseguito Ghebreyesus - attualmente esistono due ostacoli principali al rispetto di tale scadenza. Il primo è un gruppo di questioni su cui i paesi non hanno ancora raggiunto un consenso. Stanno facendo progressi, ma ci sono ancora aree di differenza che necessitano di ulteriori negoziati tra i paesi. Nessuno di loro è insormontabile. Se i paesi ascoltano le rispettive preoccupazioni, sono fiducioso che possano trovare un terreno comune e un approccio comune. Il secondo grande ostacolo è la litania di bugie e teorie cospirative sull’accordo: che si tratta di una presa di potere da parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità; che cederà la sovranità all’Oms; che darà all’Oms il potere di imporre blocchi o obblighi di vaccinazione ai paesi; che è un 'attacco alla libertà'; che l’Oms non permetterà alle persone di viaggiare; e che l’Oms vuole controllare la vita delle persone. Queste sono alcune delle bugie che vengono diffuse. Se non fossero così pericolose, queste bugie sarebbero divertenti. Ma mettono a rischio la salute della popolazione mondiale. E non è una cosa da ridere".

"Queste affermazioni sono assolutamente, completamente, categoricamente false - ha sottolineato -. L’accordo sulla pandemia non conferirà all’Oms alcun potere su nessuno stato o individuo, del resto. Chiunque dica che lo farà o è disinformato o mente. Ma non credermi sulla parola. La bozza di accordo è disponibile sul sito dell’Oms per chiunque voglia leggerla. E chiunque lo faccia non troverà una sola frase o una sola parola che conferisca all’Oms alcun potere sugli stati sovrani. I paesi manterranno la loro sovranità. Questo perché sono gli stessi Stati sovrani a scrivere l'accordo. Perché dovrebbero accettare di cedere la sovranità all’Oms? Non possiamo permettere che questo accordo storico, questa pietra miliare nella salute globale, venga sabotato da coloro che diffondono bugie, deliberatamente o inconsapevolmente. Sia chiaro: l’Oms non ha imposto nulla a nessuno durante la pandemia di Covid. Non i blocchi, non gli obblighi sulle mascherine, non gli obblighi sui vaccini. Non abbiamo il potere per farlo, non lo vogliamo e non stiamo cercando di ottenerlo. Il nostro compito è supportare i governi con orientamenti, consigli e, quando necessario, forniture basati sull’evidenza, per aiutarli a proteggere la loro popolazione. Ma le decisioni sono loro. E lo stesso vale per l’accordo sulla pandemia".

"Di fatto, l’Oms non sarà nemmeno parte dell’accordo. I partiti sono governi e solo governi. Lungi dal cedere la sovranità, l’accordo in realtà afferma la sovranità nazionale e la responsabilità nazionale nei suoi principi fondamentali. In effetti, l’accordo è esso stesso un esercizio di sovranità. Riguarda gli impegni che i paesi stanno assumendo per mantenere se stessi e gli altri più al sicuro dalle pandemie. E riconosce che possono farlo solo lavorando insieme. È possibile, o addirittura probabile, che dovremo affrontare un'altra pandemia nel corso della nostra vita. Non possiamo sapere quanto lieve o grave potrebbe essere. Ma possiamo essere pronti. Siamo pronti adesso? Non ancora. Ecco perché l’accordo sulla pandemia è fondamentale per l’umanità".

"È un patto con il futuro: non esporremo le generazioni che ci seguiranno alla stessa sofferenza che abbiamo sopportato noi. Se l’accordo fosse stato in vigore prima del Covid, non avremmo perso così tanto. Ora è il momento che la leadership dei più alti livelli di governo consegni l’accordo sulla pandemia all’Assemblea mondiale della sanità entro 15 settimane. Come generazione che ha vissuto il Covid, abbiamo la responsabilità collettiva di proteggere le generazioni future dalle sofferenze che abbiamo sopportato. Possa la storia registrare che siamo stati all’altezza di questa responsabilità e abbiamo reso il mondo un luogo più sano, più sicuro e più giusto", ha concluso il direttore Oms.

G.R.

20 febbraio 2024
© QS Edizioni - Riproduzione riservata