toggle menu
QS Edizioni - martedì 4 agosto 2020

Scienza e Farmaci

Coronavirus. Un paziente su tre ha sintomi gastrointestinali

immagine 27 aprile - Uno studio condotto negli USA ha messo in evidenza come, in un caso di Covid-19 su tre, compaiano i sintomi gastrointestinali, che dovrebbero essere presi in considerazione per lo screening. La sintomatologia intestinale è legata a un decorso meno grave dell’infezione e a una durata inferiore del ricovero ospedaliero
(Reuters Health) – Secondo un nuovo studio statunitense, circa un terzo dei pazienti che presentano Covid-19 ha anche sintomi gastrointestinali. “Nelle prime fasi dell’epidemia di Covid-19, c’era la sensazione che la tosse, la mancanza di respiro e la febbre fossero gli unici sintomi rilevanti; in effetti, molti centri hanno testato soltanto pazienti che presentavano quei sintomi”, dice Yael R. Nobel del Columbia University Irving Medical Center-New York Presbyterian Hospita, principale autore dello studio , “Ora ci rendiamo conto che i sintomi gastrointestinali, tra cui diarrea, nausea e vomito, sono una parte importante di questa malattia”.
 
Lo studio
Nobel e colleghi hanno confrontato i tassi di sintomi gastrointestinali tra 278 pazienti risultati positivi per SARS-CoV-2 e 238 pazienti che sono risultati negativi per il virus. I sintomi gastrointestinali hanno interessato in modo significativo (61% vs 39%) i pazienti che sono risultati positivi. Inoltre, in un modello multivariabile, la presenza di sintomi gastrointestinali è stata associata con una probabilità maggiore del 70% di test positivi per SARS-CoV-2.
 
Tra i pazienti Covid-19, il 35% ha presentato sintomi gastrointestinali e un numero maggiore di pazienti con sintomi gastrointestinali ha fatto registrare una durata della malattia di una settimana o più (rispettivamente 33% vs 22%). Durante il follow-up a breve termine, il tasso di morte tra i pazienti con Covid-19 è stato significativamente più basso per quelli con sintomi gastrointestinali (0%) rispetto a quelli senza (5,0%).

“Questi risultati possono suggerire che i pazienti che hanno sintomi gastrointestinali al momento del test hanno un decorso della malattia meno grave”, osserva Nobel.

“Negli Stati Uniti stiamo ancora lavorando per aumentare l’accesso ai test ed è importante che gli operatori sanitari dispongano di informazioni accurate su come si presenta questa malattia per essere in grado di stabilire correttamente le priorità dei test per i pazienti che hanno un rischio maggiore di avere Covid-19 “, aggiunge l’esperto. “In presenza di sintomi come diarrea, nausea e vomito, dovrebbe esserci un indice elevato di sospetto per Covid-19”.

Fonte: Gastroenterology, online 2020
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
27 aprile 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata