Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 03 OTTOBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Aborto. In Ungheria in vigore la legge sul “battito fetale” che obbliga i medici a fornire alle donne “indicazioni evidenti sui segni vitali del feto” prima di ogni intervento abortivo


Ne ha scritto ieri anche il BMJ ricordando che la norma è in vigore dal 15 settembre. Le cosiddette leggi sul battito cardiaco fetale sono state una caratteristica della legislazione anti-aborto negli Stati Uniti. Le prime leggi miravano a costringere la paziente incinta ad ascoltare il monitor ecografico nella speranza che le scoraggiasse dal procedere con l'aborto. E intanto negli Usa cresce il numero degli Stati che vietano del tutto l'aborto a seguito della sentenza della Corte Suprema dello scorso giugno.

21 SET -

È entrata in vigore il 15 settembre scorsa la nuova legge ungherese che prevede l’obbligo per i medici di fornire alla donna intenzionata ad abortire "un'indicazione chiaramente identificabile dei segni vitali fetali" prima di eseguire qualsiasi aborto.

La notizia ha fatto presto il giro del Mondo e ieri ne ha scritto anche il BMJ ricordando che l'aborto nelle prime 12 settimane di gravidanza è legale in Ungheria dal 1953, con aborti successivi consentiti se si ritengono probabili difetti fetali.

Il governo guidato da Victor Orban ha scritto una nuova costituzione nel 2011 garantendo che “la vita di un feto sarà protetta dal concepimento” ma il decreto di questa settimana è il primo atto normativo concreto che interviene sul diritto all’aborto nel Paese.

BMJ riporta poi le parole di Dora Duro, deputata del partito di opposizione di estrema destra Our Homeland, che ha affermato su Facebook che era stata la proposta del suo partito quella che il governo aveva adottato. Il decreto ha infranto un "tabù vecchio di decenni" contro le "mosse a favore della vita", ha scritto.

Le cosiddette leggi sul battito cardiaco fetale sono state una caratteristica della legislazione anti-aborto negli Stati Uniti. Le prime leggi, ricorda ancora BMJ, miravano a costringere la paziente incinta ad ascoltare il monitor ecografico nella speranza che le scoraggiasse dal procedere con l'aborto. Leggi recenti più severe, come il Texas Heartbeat Act del 2021, vietano ai medici di fornire l'aborto se possono rilevare "attività cardiaca" nel feto o nell'embrione.

La principale organizzazione medica ungherese, la Camera medica ungherese e la International Planned Parenthood Federation (IPPF) hanno criticato il governo per aver proceduto senza consultazioni pubbliche e senza input da parte di donne o medici. Il nuovo requisito "non ha scopo medico e serve solo a umiliare le donne", ha affermato l'IPPF.

I ginecologi, scrive ancora BMJ, hanno sottolineato che i feti nella fase iniziale della gravidanza, quando si verifica la maggior parte degli aborti, non hanno ancora un cuore funzionante, solo gruppi di cellule che inviano segnali elettrici. Il suono del "battito cardiaco" viene generato dal monitor a ultrasuoni per rappresentare questi impulsi elettrici. Non è un vero suono di valvole cardiache che funzionano come si sente in un adulto o in un bambino usando uno stetoscopio.

In qualità di primo ministro ungherese, Orban non ha impiegato quasi nessuna donna nei suoi ministeri, sostenendo che le donne non sono in grado di gestire lo stress della politica ungherese.

I divieti di aborto entrano in vigore in Indiana e West Virginia

Nel frattempo, negli Stati Uniti, scrive ancora BMJ, i divieti di aborto continuano ad essere approvati negli stati conservatori dopo il ribaltamento di Roe v Wade da parte della Corte Suprema a giugno.

A partire dal 15 settembre altri due stati, Indiana e West Virginia, hanno vietato tutti gli aborti in qualsiasi fase della gravidanza tranne in caso di stupro, incesto, minaccia alla vita della madre o "anomalia fetale fatale", sebbene quest'ultima categoria non sia chiaramente definito. 

I legislatori repubblicani del West Virginia, nell'approvare la loro legge, hanno espresso frustrazione per il fatto che includesse esenzioni per stupro e incesto e non prevedessero sanzioni penali per i medici. La legge dell'Indiana consente ai medici di essere incarcerati fino a sei anni se forniscono un aborto o non presentano i rapporti richiesti.

Tredici stati avevano "divieti di innesco" che sono entrati in vigore quando Roe v Wade è stato eliminato. Secondo un'analisi del Guttmacher Institute, altri 13 stanno lavorando sulla legislazione e potrebbero emanare divieti generali o divieti dopo sei settimane di gravidanza.

Il senatore repubblicano Lindsey Graham della Carolina del Sud questa settimana ha proposto una legge nazionale sull'aborto che vieterebbe la procedura dopo 15 settimane, che ha descritto come una soluzione di compromesso. Ma è improbabile, conclude BMJ, che il suo disegno di legge faccia progressi al Congresso, dove i suoi colleghi repubblicani si stanno sempre più tirando indietro dall'assumere posizioni pubbliche contro l'aborto a seguito della reazione pubblica negativa alla decisione Roe v Wade.

 



21 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy