Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 04 GIUGNO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Tutti i precari della PA: senza tempo indeterminato il 5% degli addetti nel Ssn, il 14% in Regioni e Comuni e il 20% nelle Università


Analisi Aran sui contratti a tempo determinato e i co.co.co. In valori assoluti il numero più elevato di precari si registra nelle Regioni e negli Enti Locali con un totale di 77mila unità, segue il Ssn dove i precari sono più di 35mila e poi l'Università con circa 26mila addetti senza posto fisso. LE TABELLE ELABORATE DALL'ARAN

03 MAG - Un piccolo e proprio esercito quello dei precari della PA che vede soprattutto in tre comparti una loro forte presenza. Primo tra tutti quello delle Regioni e degli Enti Locali con circa 77mila addetti tra tempo detrminato e co.co.co, poi la sanità con oltre 35mila unità di personale in quelle condizioni e poi l'Università con circa 26 mila occupati non stabilizzati.
 
Questi i numeri assoluti, ma quanto incidono sul totale degli addetti? Se passiamo alle percentuali le proporzioni cambiano, e al primo posto balza l'Università dove un addetto su cinque è precario, poi Regioni ed Enti Locali con il 14,3% di precari e infine il Ssn con il 5,1%.
 
Il dato sui contratti a tempo determinato e co.co.co. lo ha elaborato l’Aran che ha messo a confronto più anni per comprendere meglio l’andamento del fenomeno in costante aumento in effetti proprio nei due comparti citati e in quello delle Università.
A dire la verità il tempo determinato nelle Regioni (a statuto ordinario) è letteralmente raddoppiato nel 2015 rispetto al 2014, mentre negli altri due comparti è aumentato, ma di poco.

 
Nel Servizio sanitario nazionale il maggior numero di operatori a tempo determinato si rileva tra il personale non dirigente e sono donne: 21.428 su un totale complessivo per tutte le qualifiche di 31.220. Si tratta - compresi i co.co.co che si limitanto però a poco più del 10% del tempo determinato -  del 5,1% di tutta la forza lavoro del Ssn.
 
Un dato che tuttavia, anche se "alto" nella classifica dell'utilizzo dei contratti atipici, è ben meno pesante di quello che rappresentano i precari di Regioni e Università. Per il primo comparto, infatti, il numero di operatori a tempo determinato e co.co.co rappresenta il 14,3% di tutta la forza lavoro, mentre per l'Univeristà si raggiunge addirittura il 20,5%, il che significa che è precario un professionista su cinque.
 
Nelle sue tabelle tuttavia, l’Aran precisa che i dati si riferiscono al numero delle persone alla data del 31/12 e non alle unità uomo/anno o al numero di contratti attivi nell'anno. E non sono compresi i dirigenti a tempo determinato di tutti i comparti a eccezione del comparto del Servizio Sanitario nazionale. I medici a tempo determinato infatti sono 8.843 (di cui 5.319 donne), i dirigenti non medici sono 1.362 (di cui 990 donne).
 
Un dato significativo è quello dell’anzianità del rapporto di lavoro a tempo determinato. Nel Ssn fino a un anno ci sono 11.180 unità, di cui 7482 di personale non dirigente, 3308 medici e 390 dirigenti non medici.
Da uno a due anno e da due a tre anni poi i numeri si abbassano sensibilmente tanto che nel complesso si registrano 5.569 non dirigenti, 2.483 medici e 325 dirigenti non medici. Ma i numeri schizzano verso l’alto quando si contano le unità di personale a tempo determinato oltre i tre anni: sono 7.974 non dirigenti, 3.052 medici e 637 dirigenti non medici.
 
Una situazione questa ancora più evidente e pesante nell’altro comparto con grandi numeri, quello delle Regioni, dove addirittura oltre i tre anni nel 2015 era a tempo determinato da oltre tre anni il 76,52% di tutto il personale a tempo determinato.
 
Situazione analoga sui Co.co.co. Solo che in questo caso il Servizio sanitario nazionale è al terzo posto di tutti i comparti dopo le Regioni e anche dopo l’Università che balza al primo posto, seppure con questo tipo di contratti in continua diminuzione tra il 2013 e il 2015.
 
Si tratta di numeri decisamente minori del tempo determinato: per il Ssn nel 2015 tutti i contratti co.co.co sono 3.971, anche se poco meno della metà va avanti da oltre tre anni e nell’Università che ha il primato, sono 4.184, concentrati più che altro su quelli fino a un anno di durata.
Nel Ssn, comunque, quasi tutti i contratti co.co.co sono fatti a laureati, nel settore economico, sanitario e di ricerca.

03 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy