Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 DICEMBRE 2017
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

In farmacia sempre più dispositivi medici e cosmetici. Ma oltre la metà dei farmacisti punta anche su prevenzione e telemedicina. L’indagine di Federfarma Milano, Lodi, Monza e Brianza

Negli ultimi anni la maggioranza delle farmacie del territorio ha concentrato i propri investimenti sul settore dei dispositivi medici e della cosmetica. Ma ora il 56,3% dei farmacisti ha deciso di puntare di più sull’attività di prevenzione, vedendo nell’autoanalisi uno strumento importante, e oltre il 40% dice di voler investire nella telemedicina posta al servizio anche del nuovo governo della domanda recentemente varato da Regione Lombardia. LA SCHEDA

05 DIC - Sempre più servizi nelle farmacie sul territorio: non solo esami e prenotazioni, ma anche consulenza, soprattutto nel campo della cosmetica, dell’alimentazione e dei dispositivi medici. I dati dettagliati di una survey condotta sulle farmacie associate di Milano, Lodi, Monza e Brianza sono stati presentati oggi in occasione di una conferenza stampa che si è svolta a Milano.

Nel complesso, i risultati dell’indagine hanno evidenziato un trend molto chiaro: “Negli ultimi anni - spiega Federfarma in una nota - la totalità delle farmacie lombarde ha puntato sullo sviluppo dei servizi per i cittadini, e la maggioranza delle farmacie ha concentrato i propri investimenti sul settore dei dispositivi medici e della cosmetica. Sforzi finanziari che risultano allineati alle richieste e alle esigenze dei cittadini. Più della metà delle richieste rivolte alle farmacie riguarda infatti i servizi alla persona, come esami diagnostici o prenotazioni; più di un terzo riguarda i prodotti cosmetici, e il restante 65% circa verte su alimentazione e dispositivi medici”.
 
Per quanto riguarda le opportunità di sviluppo futuro delle farmacie, il 56,3% dei farmacisti intervistati dichiara di voler puntare di più sull’attività di prevenzione, vedendo nell’autoanalisi uno strumento importante di salute pubblica, in grado tra l’altro di valorizzare ancor di più il ruolo di avamposto del servizio sanitario che le farmacie già svolgono da tempo sul territorio. Da questo punto di vista, è interessante che più del 40% delle farmacie intervistate dichiari di voler investire nei prossimi anni nella telemedicina, uno dei pilastri della digitalizzazione della sanità, che potrà essere efficacemente posto al servizio anche del nuovo governo della domanda recentemente varato da Regione Lombardia.

 
“I risultati della survey confermano che la farmacia si sta consolidando sempre più come primo presidio sanitario sul territorio
– commenta la dottoressa Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia –. Stiamo assistendo con soddisfazione all’evoluzione del nostro ruolo tradizionale in chiave di consulenza, servizio e relazione con il cittadino. Da questo punto di vista – aggiunge la dottoressa Racca – fa particolarmente piacere che diversi colleghi abbiano già individuato nella prevenzione e nella telemedicina due delle principali linee di sviluppo futuro della farmacia, che corrispondono, e non a caso, a due urgenze per la sanità pubblica e per la tenuta economica, ma anche organizzativa, del nostro Servizio sanitario”.

05 dicembre 2017
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Scheda

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy