Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 09 DICEMBRE 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Quelle direttive millantate sull’orario di lavoro nel Lazio

03 LUG - Gentile direttore,
un grande caos all’Asl Roma 2, come ogni altro ospedale del Lazio. Gli Infermieri stanno lavorando al di sopra delle proprie forze! Nella regione Lazio, millantando direttive Europee, ragione per cui gli infermieri, durante il turno di notte debbono lavorare poco meno di 12 ore, ma, non è infrequente che lavorino da soli in turno e/o che facciano più notti di seguito. Una ricerca inglese afferma che la carenza di sonno abbia sul cervello effetti molto simili a quelli dell’ubriachezza da abuso di alcool.
 
Gli Infermieri, studiano e si formano a lavorare  in due infermieri per turno, perché, ad esempio, se un paziente si aggrava, improvvisamente, un infermiere sta sul paziente ed un altro si attiva per chiamare i soccorsi e/o avvicinare gli strumenti necessari per assistere il paziente. Se un infermiere lavora in turno da solo, come fa a chiamare il medico e/o il rianimatore? Unica chance è urlare in mezzo ad un corridoio e nel caso di un turno di notte disturbare e spaventare tutti i pazienti ricoverati?

Ancora, il posizionamento di un catetere vescicale prevede, al fine di agire in modo sterile, che l’attività sia a due operatori sanitari, così non fosse il rischio delle infezioni si alza notevolmente.


Due notti di seguito, da poco meno di dodici ore, non valgono come fossero due singole notti intercalate dal giusto periodo di riposo! La stanchezza si eleva all’ennesima potenza. Scarse ore di sonno inducono ad un notevole aumento dei rischi errori assistenziali, dove verranno chiamati in causa i soli infermieri, l’ultimo che è entrato in contatto con il paziente, l’infermiere più sfortunato! Ciò non è confortante per gli infermieri!
  
Quando si usa il termine stanchezza, molti pensano che abbia lo stesso significato di  sonnolenza, ma questi sono in realtà due aspetti diversi anche se correlati.
 
La propensione al sonno, dopo due notti di seguito dal dodici ore, possono essere causa della diminuzione dello stato di vigilanza che poi porta ad una diminuzione attenzione dei dettagli, il giudizio può essere alterato, e i tempi di risposta possono essere rallentati. Questo può influenzare la produttività, la sicurezza e la salute in generale del paziente e degli stessi operatori.
 
L’azienda sanitaria ha strutturato, l’istituto di pronta disponibilità, ragione per cui gli infermieri fanno meno ore di straordinario, ma, per coprire gli stessi turni che facevano in straordinario con la reperibilità. Ora poi si sta verificando che la reperibilità possa essere svolta, anziché nel servizio di sempre, anche in un reparto vicino, ma, senza formazione e senza che i reparti siano strutturati alla stessa maniera.

Cosa vuol dire che i reparti siano strutturati alla stessa maniera? Nella ASL non mi risulta che i reparti siano stati riprogettati secondo principi di reingegnering. I processi aziendali dovrebbero essere organizzati e profondamente revisionati negli aspetti operativi che non risultano adeguati alla condivisione del personale infermieristico. Vale a dire che l’infermiere non può essere considerato, meramente, un tuttologo, nell’interesse del paziente! L’Infermiere, che si intende consistere un jolly, deve essere formato ed aggiornato alle patologie dei reparti dove deve andare a lavorare, non dovrebbe dover improvvisare ma, anche deve poter trovare tutto il materiale necessario all’assistenza. In ogni reparto, la biancheria dovrebbe stare tutta nello stesso posto, il carrello delle emergenze deve essere accessibile senza difficoltà, i protocolli operativi dovrebbero essere patrimonio di tutti e così via discorrendo. Ciò detto nel caso di errori, imprecisioni e/o disattenzioni l’infermiere non può essere considerato l’unico colpevole!

Ancora, in molti ospedali, non c’è costume a fare gli ordini di servizio, se non arriva il cambio turno, si confida nel senso di responsabilità degli infermieri. Nel caso d’incidenti, l’infermiere non avrà strumenti per dimostrare che non si è trattenuto spontaneamente. Molti dirigenti, benché con incarico di responsabilità, non si assumono oneri di responsabilità. Le malattie non sono infrequenti poiché il personale è stanco, ma, anche se il turno è scoperto, è sottinteso, che nel caso di mancato cambio l’infermiere, spontaneamente, debba trattenersi. Ovviamente i problemi personali degli infermieri sono un fattore poco rilevante. Gli Infermieri non possono problemi di figli, famiglia, genitori malati e/o necessità di riposo psicofisico! Quindi è difficile immaginare la serenità mentale dell’infermiere oltre che la stanchezza durante il lavoro?

Tutto ciò perché sono stufa di assistere a condanne d’infermieri, come nel caso della collega del Fatebenefratelli, che è stata accusata di aver dimenticato una paziente nel bagno, dopo averla accompagnata in bagno durante lo smonto notte.  Secondo il giudice, l’infermiere, magari anche da solo in turno, nonostante una ventina di pazienti, avrebbe dovuto rimanere davanti alla porta del bagno della paziente? Come se il ruolo dell’infermiere fosse quello di accompagnatore, piuttosto che di assistere. Non c’erano ragioni per cui la paziente avrebbe potuto sentirsi male, quindi poteva stare in bagno serenamente, una volta terminato, avrebbe potuto suonare il campanello e l’infermiera o figure come gli OSS che non esistono negli ospedali laziali, avrebbe potuto accompagnare la paziente a letto?!

Laura Rita Santoro
Nursing Up Lazio

03 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy