Quotidiano on line
di informazione sanitaria
22 SETTEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Conferenza delle Regioni. È Sergio Chiamparino il nuovo presidente. Lo affianca Stefano Caldoro

Il presidente del Piemonte è stato eletto all'unanimità. Alla vicepresidenza il governatore della Campania. Tra le grandi sfide che attendono le Regioni, per il neo presidente c’è la sanità: “Dovremo cercare di trovare un accordo insieme al Governo che consenta di dare risposte a quello che è il bisogno delle popolazioni”. E ha annunciato che l'obiettivo per la prossima settimana è la chiusura del Riparto del Fsn.

31 LUG - “È un motivo di grande orgoglio sostituire Vasco Errani, una pietra miliare per tanti anni del mondo delle autonomie e del regionalismo, un interlocutore di grandissima autorevolezza. Mi sforzerò di essere all’altezza, e per questo avrò bisogno di grande collegialità sia nella definizione degli organi di presidenza sia nel far lavorare il più possibile l’assemblea. Ma è anche un grande onore avere al fianco, Stefano Caldoro”.
 
Apre così il suo primo discorso da presidente delle Regioni, Sergio Chiamparino, Governatore del Piemonte, eletto all’unanimità alla guida della Conferenza delle Regioni. Un voto unanime che ha incassato la sua soddisfazione: “Un segnale incoraggiante anche rispetto alla fase politica che il Paese sta vivendo”.
 
Nel suo discorso alla stampa ha puntato dritto alle sfide fondamentali che attendono non solo le Regioni, ma anche il Paese “che vogliamo che resti sempre di più un Paese pulito al di là di qualsiasi forma di separazione”.
 
La prima sfida è la riforma Senato: “Portare avanti questa riforma – ha detto – è un obiettivo della vita politica. Avere un luogo politico dove le autonomie locali e le Regioni possono confrontarsi direttamente con lo Stato senza intermediazioni è importante. È l’unico modo per far vivere l’autonomia locale e regionale”.

 
C’è poi il tema della revisione del Titolo V: “Si apre una stagione di riforme costituzionali dove le regioni devono essere protagoniste e di cui sentiamo la responsabilità e a cui cercheremo di corrispondere”.
 
Ma l'altra grande sfida è quella sulla sanità. “Dovremo cercare di trovare un accordo insieme al Governo che consenta di dare risposte a quello che è il bisogno delle popolazioni tenendo conto che il Paese è largo e lungo”. Ma anche tenendo conto che le Regioni non possono più permettersi di non essere quelle che rispondono alle sfide con efficacia ed efficienza.
“Tutto ciò che è introduzione dei costi standard e dei criteri di valutazione – ha aggiunto – consentirà di provare che Regioni e autonomie locali non sono cattivi scolaretti, ma possono insegnare ad altri come si amministra”. Non sempre questo è stato realizzato, ha sottolineato Chiamparino, ma questa è la grande sfida che attende le Regioni.
 
Sempre rimanendo in tema di sanità Chiamparino ha poi auspicato che il Riparto del fondo sanitario nazionale sia definito entro la prossima settimana: “Lunedì e martedì gli assessori riprenderanno la discussione per arrivare a un accordo”.
 
E ancora, ha aggiunto: “Vogliamo cercare intorno a questi materie di garantire a tutti, livelli adeguati di servizi, e una loro gestione efficiente ed efficace. Inizieremo presto un confronto per comporre l’ufficio di presidenza tenendo conto delle rappresentanze di ogni parte d’Italia, Nord Centro e Sud, ma anche delle piccole regioni e di quelle a statuto speciale. Proprio per quel bisogno di collegialità che ci consentirà di ottimizzare l’assetto delle varie articolazioni della Conferenza dei Presidenti”.
“Lasciatemi ora il tempo ora di capire dove sono finito – ha chiosato – poi sarò più esaustivo”.

“La candidatura di Chiamparino è forte ed autorevole – ha detto Stefano Caldoro, vicepresidente – questo è molto importante perché essere arrivati ad un voto unanime significa che, se le scelte vengono fatte dalla politica, poi le decisioni sulle regioni restano alle regioni, un segnale forte del sistema delle autonomia.
Caldoro ha poi rivolto le sue parole all’ex presidente Errani. “Vasco – ha aggiunto Caldoro – è stato un grande presidente, sempre all'altezza delle situazioni e per noi è indubbiamente un’eredità pesante. Cercheremo di portare avanti, come Errani ha fatto in questi anni, un grande lavoro di squadra di altissimo livello”.
Il neo vicepresidente delle Regioni si è infine detto pienamente d’accordo con Chiamparino sull'importanza delle riforme in atto: “È sfida che ci attende e la tua guida – ha detto rivolgendosi a Chiamparino – sarà un punto di riferimento indiscusso”.

31 luglio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy