Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Sistema di emergenza-urgenza. Dai direttori delle strutture italiane, 5 proposte per uscire dalla crisi

Una soluzione strategica comune in grado di risolvere le criticità del sistema dell’emergenza urgenza in Italia, riassunta in cinque punti. È questo il contenuto di una lettera che i direttori di Medicina d’emergenza-urgenza italiani hanno inviato al ministro della Salute, al presidente Iss e al direttore generale di Agenas. Il testo è stato elaborato a conclusione dell’Accademia dei Direttori, che si è tenuta a Bologna il 18 e 19 settembre scorsi. LA LETTERA.

11 OTT - Personale sanitario adeguato, per numero e competenze, strutture di emergenza-urgenza realmente organizzate come prevede la normativa più recente, un sistema di monitoraggio del sovraffollamento. Ma anche specifiche linee guida e raccomandazioni dedicate insieme a un nuovo impegno nella ricerca clinica in Medicina d'Emergenza.  Sono queste le richieste che i direttori di Medicina d’emergenza-urgenza hanno avanzato per migliorare i pronto soccorso italiani.
 
Le proposte dettagliate sono contenute in una lettera inviata a Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, Walter Ricciardi, presidente Iss, l’stituto superiore di Sanità e Francesco Bevere, direttore generale di Agenas, Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.

“Con i cinque punti del messaggio – ha spiegato Maria Pia Ruggieri, presidente nazionale Simeu - ci rivolgiamo ai decisori, esprimendo richieste e insieme offrendo la collaborazione dei professionisti: il sistema dell’emergenza urgenza in Italia è ancora molto frammentato, con differenze sensibili da regione a regione, ma accomunato da alcuni grandi, annosi problemi che devono trovare una soluzione strategica e comune. A rischio c’è il servizio pubblico dell’emergenza sanitaria, che è sempre più sotto pressione e rischia di esplodere”.

 
Il testo è stato elaborato a conclusione dell’Accademia dei Direttori, organizzata da Simeu e che si è tenuta a Bologna il 18 e 19 settembre scorsi. Dopo la raccolta delle firme, la lettera è stata inviata alle istituzioni.
 
Hanno firmato i direttori di struttura di Medicina di emergenza urgenza, in un numero che, riportato ai pronto soccorso che ciascuno di loro rappresenta, corrisponde a circa 7 milioni di accessi, dei circa 20 milioni totali in un anno.

11 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy