Quotidiano on line
di informazione sanitaria
25 OTTOBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Sanità privata accreditata e Rsa. Incontro Regione e sindacati per  salvaguardia posti di lavoro


I numerosi decessi per covid tra gli anziani e il giro di vite della Regione sulle strutture per verificare la presenza di tutti i requisiti necessari a garantire un’assistenza adeguata, mettono a rischio i posti di lavoro. I sindacati chiedono garanzie. Si lavora a un protocollo che definisca meccanismi di salvaguardia in caso di chiusura di una struttura.

07 LUG - Si è svolto nella serata di ieri presso la sala Aniene l’incontro tra i segretari regionali della Funzione Pubblica di Cgil Cisl Uil con gli assessorati alla Sanità e al Lavoro della Regione Lazio per fare il punto sui rischi occupazionali nelle Rsa e nelle strutture private accreditate della Regione. La pandemia COVID-19 e i focolai all’interno di strutture residenziali per anziani hanno infatti comportato molti contagi e purtroppo diversi decessi tra gli anziani ricoverate in cliniche o case di riposo. Questo ha fatto scattare anche una serie di verifiche da parte della Regione sulle condizioni assistenziali in queste strutture che, in caso risultassero inadeguate, mettono a rischio l’accreditamento. La questione occupazionale degli operatori diventa quindi essenziale.

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto pertanto alla Regione Lazio un impegno concreto per la salvaguardia occupazionale e salariale dei lavoratori della sanità privata interessati dall’avvio di procedure di licenziamento, prevedendo percorsi di ricollocazione nell’ambito dei servizi sanitari.

L’impegno tra le parti, riferisce una nota congiunta di Regione e sindacati, è quello di “lavorare a un protocollo che definisca meccanismi di salvaguardia in caso di chiusura di una struttura”. “Se un erogatore privato dovesse perdere l’accreditamento - spiega la nota -, una volta espletate le obbligatorie iniziative previste dalla norma, inclusa la ricollocazione nell’ambito della stessa azienda, i lavoratori saranno inclusi in un bacino da cui nuovi soggetti destinatari di nuovo accreditamento, o in caso di esternalizzazione di servizi da parte delle aziende sanitarie, dovranno tassativamente attingere per nuove assunzioni garantendo la continuità occupazionale e salariale degli stessi”.

07 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy