Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Diabete di tipo 1 e sport. Ecco il Team Novo Nordisk di ciclisti professionisti

26 SET - Una dieta sana aiuta a tenere sotto controllo il diabete, ma anche lo sport è un alleato prezioso per chi soffre di questa malattia. E non solo per chi è affetto da diabete di tipo 2, spesso legato all'obesità, ma anche per chi soffre di malattia insulino-dipendente, e ha avuto una diagnosi in giovane età. E anzi, c'è da scardinare il mito che “chi ha il diabete debba essere discriminato nello sport”: parola di Phil Southerland, 31 anni e diabetico dall'età di sette mesi, ma soprattutto co-fondatore e CEO del Team Novo Nordisk, primo team di ciclisti professionisti al mondo composto da sole persone diabetiche, sponsorizzato dalla casa farmaceutica danese e presente al 49esimo Congresso EASD in corso a Barcellona.
 

“Ho avuto la mia diagnosi quando ancora non avevo compiuto un anno, e i medici dissero a mia madre che non avrei potuto fare una vita normale e che probabilmente non sarei arrivato vivo ai 25 anni”, ha detto Southerland in un incontro nel capoluogo catalano. “Oggi sono un trentenne in piena salute, mangio sano, faccio sport e seguo con attenzione il mio regime insulinico. Voglio far capire a chi è nella mia stessa condizione che può fare tutto quello che vuole, anche diventare un ciclista o un atleta di triathlon professionista”. Ed è per questo che Phil ha fondato il Team Novo Nordisk, di cui fanno parte – per l'appunto – ciclisti, corridori e atleti di thriatlon che ad oggi hanno un contratto.

Il gruppo dei ciclisti, ad esempio, è formato da 16 atleti professionisti, a cui presto probabilmente si aggiungeranno altri 4 giovani. “Speriamo di riuscire a portare ovunque il nostro Team, a correre insieme agli altri team: se c'è una team per la Svezia, l'Italia, gli Stati Uniti e tutte le altre nazioni, noi vogliamo rappresentare la nazione del diabete”, ha spiegato Phil. “L'idea è quella di “cambiare il diabete”? Bene, noi vogliamo sfruttare il trampolino di lancio del Giro d'Italia, del Tour de France e della Milano-Sanremo per farlo”.
 

Un obiettivo sicuramente ambizioso, ma che a guardare gli atleti presenti a Barcellona sembra assolutamente raggiungibile. “Correre o andare in bici fa bene al controllo del diabete, ti aiuta a mantenere una vita sana e a gestire meglio la malattia”, ci spiegano i ragazzi. “Ma soprattutto ti aiuta a livello psicologico, perché ti dimostra che puoi veramente gareggiare allo stesso livello – e se sei bravo anche vincere – contro ragazzi non diabetici. Ed è un pensiero che spesso, per chi ha questa malattia, è una vera e propria rivelazione”.
Un messaggio positivo, ci spiega ancora Phil, che vale la pena di condividere, soprattutto per quei ragazzi come lui, ai quali è stato detto – sbagliando – che non avrebbero potuto condurre una vita piena di successi. 

26 settembre 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy