Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 OTTOBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Integratori. Italia: vendite tra i primi paesi in Europa Occidentale. Ghiselli (CRA-NUT): “Uso a volte indiscriminato”


27 FEB - Quasi due miliardi di euro è stata la spesa europea per gli integratori alimentari e multivitaminici nel periodo compreso tra dicembre 2012 e novembre 2013, con una crescita del 3% rispetto all’anno precedente. Si tratta dei dati di Nielsen Market Track Healthcare per FederSalus, relativi all’anno appena passato. Le confezioni vendute sono circa 140 milioni. I più acquistati sono fermenti lattici, i multivitaminici, gli integratori salini e per il controllo del peso, i lassativi e i sistemici capelli.
Rispetto alla parafarmacia, supermercati e ipermercati, la farmacia resta il canale di vendita preferenziale, contando circa 111 milioni di confezioni vendute, con un leggero aumento dei prezzi (1,3%) nell'ultimo anno. Tra i paesi che fanno maggior uso di questi prodotti, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Italia, che alla fine dell’anno 2012 risultava al primo posto nella classifica dell’Europa Occidentale per vendita di integratori alimentari.   
 
Ma qual è il punto di vista dell'esperto? “A volte, si fa un uso un po' troppo leggero degli integratori e indiscriminato delle vitamine, pensando che facciano sempre bene”, ha spiegato al nostro giornale  Andrea Ghiselli, Dirigente di Ricerca presso il CRA-NUT (Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione del CRA, Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura). “In situazioni particolari, però, questo uso è molto appropriato. Ad esempio l’integrazione di acido folico nelle donne durante il periodo peri-concezionale, cioè due mesi prima e tre mesi dopo aver concepito un figlio, ha un ruolo molto importante. La supplementazione di vitamina B12 è essenziale nei vegani, che non consumano nessun alimento di origine animale. Inoltre, il ferro è fondamentale negli anemici, ma del tutto inappropriato nelle persone che non hanno indicazione”. L’intervento migliore, laddove possibile, è dunque l’integrazione mediante alimenti, soprattutto frutta e verdura. “Gli antiossidanti degli alimenti 'prolungano la vita degli alimenti', gli antiossidanti che prolungano la vita dell’uomo sono quelli appartenenti all’uomo”, ha concluso Ghiselli.

 
Viola Rita

27 febbraio 2014
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy