Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Il ‘basso contenuto’ reclamizzato sulle etichette alimentari può confondere i consumatori

Un nuovo studio statunitense sostiene che le etichette dei cibi che si dichiarano a basso contenuto di qualcosa potrebbero risultare ingannevoli. Quindi, bisognerebbe analizzare l’intero profilo nutrizionale del prodotto e gli ingredienti.

27 MAR - (Reuters Health) – Diffidate dalle etichette e dalle pubblicità di cibi che recitano “basso contenuto di sale” o “senza grassi” perché potrebbero risultare fuorvianti. A dirlo, questa volta è uno studio made in Usa pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics. Queste pubblicizzazioni del “basso contenuto”, infatti, si basano su confronti con altri cibi e non rappresentano definizioni standard.
 
Una tale affermazione non significa necessariamente che il prodotto è più nutriente di quello di altre marche, spiegano gli autori. “I consumatori dovrebbero capovolgere la confezione e guardare l’intero profilo nutrizionale nonché la lista degli ingredienti per capire meglio se in generale il prodotto è più o meno sano”, afferma Lindsay Smith Taillie della University of North Carolina di Chapel Hill. 
 
Lo studio
Smith Taillie e colleghi hanno analizzato i dati di più di 80 milioni di acquisti per cibi e bevande effettuati negli USA da 40.000 famiglie dal 2008 al 2012. “Abbiamo riscontrato che le famiglie a più alto reddito tendevano ad acquistare prodotti con questo tipo di claim. Ciò risulta in linea con le precedenti ricerche secondo cui tali asserzioni tendono ad essere più considerate da persone maggiormente istruite”, ha aggiunto. Il 13% dei cibi e il 35% delle bevande acquistate includevano prodotti che affermavano di possedere un basso contenuto di qualcosa. Gli acquisti di prodotti con pochi grassi erano i più comuni, seguiti da quelli con poche calorie, pochi zuccheri e poco sodio. In media, i cibi confezionati con un basso livello di nutrienti avevano il 32% in meno di calorie, l’11% in meno di zuccheri e circa la metà di grassi e sodio rispetto a quelli che non pubblicizzavano niente di simile sulle confezioni.

 
Tuttavia, alcuni prodotti che si definivano a basso contenuto di nutrienti in realtà ne avevano di più dei cibi che non asserivano niente. Inoltre, Smith Taillie ha spiegato che quando un prodotto dice di avere pochi zuccheri, potrebbe contenere meno zuccheri di un prodotto di riferimento o di uno simile, “ma ciò non significa che abbia una qualità nutrizionale complessivamente migliore”. Oppure, "si potrebbe trattare di un cibo con molti zuccheri ma pochi grassi e quindi verrà pubblicizzato come a basso contenuto di grassi sull’etichetta. Ma ciò non significa che sia salutare. Essenzialmente, può essere fuorviante prendere una decisione su un prodotto basandosi solo su ciò che si afferma sulla parte anteriore della confezione”.
 
Vero ma fuorviante
La U.S. Food and Drug Administration regola ciò che i prodotti possono asserire - afferma Taillie - Non c’è un errore tecnico nel dichiarare che un prodotto ha un basso contenuto di qualcosa, ma le regole che permettono di farlo variano in base al tipo di affermazione e alla categoria di cibo”.
 
Il consiglio dell'esperta
Le etichette possono confondere, ha convenuto Melissa Rikfin, dietologa presso il Montefiore Medical Center di New York. “Capire l’etichetta con i valori nutrizionali è più importante del concentrarsi sulle asserzioni di marketing”, afferma. Gli elementi chiave su cui focalizzarsi sono la dimensione della porzione, la quantità all’interno del contenitore, le calorie, i grassi, il sodio e gli zuccheri, ha aggiunto. È in corso di sviluppo una nuova e migliorata etichetta contenente i valori nutrizionali. “Lentamente inizieremo a vedere che tutte le etichette contengono le nuove informazioni”, ha aggiunto.
 
Fonte: Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics 2017

Shereen Lehman

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

27 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy