Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Usa. Scienziati sviluppano ventre artificiale per aiutare i neonati molto prematuri

Un team di ricercatori statunitensi ha sviluppato un “grembo artificiale” in grado di costituire l'ambiente ideale per i bimbi nati estremamente prematuri per portarli fino alla 28esima settimana di vita, quando le probabilità di sopravvivenza sono buone. I test sono stati eseguiti su agnelli prematuri, data l’analogia dello sviluppo polmonare esistente tra questi animali e gli esseri umani. Lo studio su Nature Communications

26 APR - (Reuters) - Gli scienziati statunitensi hanno sviluppato un ‘grembo’ artificiale costituito da una sacca piena di liquidi da utilizzare come dispositivo di supporto extra-uterino per i neonati estremamente prematuri. Questo strumento potrebbe migliorare significativamente le possibilità di sopravvivenza dei bambini. Negli studi pre-clinici eseguiti sugli agnelli e pubblicati su Nature Communications i ricercatori sono stati in grado di imitare l'ambiente materno e le funzioni della placenta, dando al neonato prematuro un'opportunità fondamentale per sviluppare i polmoni e altri organi.

La tecnologia
Si tratta di ‘camere’ riempite di fluidi che consentono di portare i piccoli fino alla soglia delle 28 settimane di vita. A partire da quel periodo le loro possibilità di sopravvivenza migliorano notevolmente. La squadra ha impiegato tre anni per sviluppare il sistema attraverso una serie di quattro prototipi - cominciando da un serbatoio stile incubatrice di vetro e finendo con la realizzazione della sacca riempita di fluidi.Sei agnelli nati pretermine, fisiologicamente equivalenti a un bambino di 23 o 24 settimane di gestazione, sono stati testati nel prototipo più recente riuscendo a crescere in un ambiente a temperatura controllata e quasi sterile. Gli scienziati hanno prodotto liquido amniotico in laboratorio e hanno fatto in modo che potesse circolare dentro e fuori dalla sacca artificiale.
 
Lo sviluppo polmonare negli agnelli è molto simile a quello degli esseri umani, ha detto il fisiologo fetale Marcus Davey, che ha lavorato nel team di ricerca: "I polmoni fetali sono progettati per funzionare nei fluidi. Simulare questo ambiente permette ai polmoni e agli altri organi di svilupparsi fornendo nutrienti e fattori di crescita". Il grembo artificiale non è dotato di pompa esterna per la circolazione perché anche una lieve pressione artificiale può sovraccaricare in modo fatale un cuore sottosviluppato, e non c'è neppure un ventilatore perché i polmoni immaturi non sono ancora pronti a respirare aria.
 
Il cuore del bambino pompa sangue attraverso il cordone ombelicale in un ossigenatore a bassa resistenza che agisce come sostituto della placenta nello scambio di ossigeno e di anidride carbonica. Il team di Alan Flake, chirurgo specializzato presso l'Ospedale dei Bambini di Philadelphia, che ha guidato lo sviluppo del nuovo dispositivo, prevede di raffinare ulteriormente il sistema e di ridimensionarlo per i neonati umani, che sono circa un terzo delle dimensioni degli agnelli utilizzati nello studio. 


I numeri
I bimbi prematuri nati tra le 23 e le 26 settimane di gestazione, in media pesano poco più di 500 grammi, i  polmoni non sono in grado di respirare aria e i tassi di mortalità arrivano fino al 70%, inoltre, quelli che sopravvivono rischiano di affrontare disabilità per tutta la vita. "Questi neonati hanno urgentemente bisogno di un ponte tra il ventre materno e il mondo esterno - commenta Flake - Ci vorranno forse altri 10 anni, ma poi disporremo di un dispositivo in cui i bambini nati prematuramente avranno la possibilità di svilupparsi piuttosto che giacere in incubatrici che sono ventilate artificialmente. Questo sistema è potenzialmente superiore, e di molto, a quello che gli ospedali hanno attualmente a disposizione per un bambino di 23 settimane, potrebbe stabilire un nuovo standard di cura per questi pazienti".


Fonte: Nature Communications
 
Kate Kelland

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

26 aprile 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy