Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 OTTOBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Convegno a Bari. “Occhio” all’occhio per la diagnosi delle patologie reumatiche


L’infiammazione delle diverse strutture anatomiche oculari può costituire il primo segno di una manifestazione reumatica sistemica oppure subentrare dopo l’esordio della malattia. A Bari reumatologi ed oculisti, di fama nazionale e internazionale, si sono confrontati sul tema nel corso di un incontro patrocinato dalle Associazioni Pazienti di Aifp, Simba e Apmar

25 MAG - “Occhio” all’occhio per la diagnosi delle patologie reumatiche. Il coinvolgimento oculare è infatti frequente in patologie reumatiche, ma non solo, negli ultimi dieci anni si è registrato un significativo aumento di questa associazione. Esempio classico ne è il gruppo delle spondiloartriti, malattie sistemiche croniche ed evolutive, fra cui si annoverano la Spondilite Anchilosante e l’Artrite Psoriasica nelle quali l’occhio rappresenta una delle sedi extra-articolari più frequentemente interessate. L’infiammazione delle diverse strutture anatomiche oculari può quindi costituire il primo segno di una manifestazione reumatica sistemica oppure subentrare dopo l’esordio della malattia arrivando a compromettere seriamente la vista dei pazienti negli anni più produttivi della vita.
Insomma, l’occhio, come altri organi, può essere interessato da processi flogistici sistemici di origine autoimmune o “auto infiammatoria”, per alterazione dei meccanismi della immunità adattiva o di quella innata.
La collaborazione tra Reumatologo ed Oculista diventa quindi fondamentale, nell’interesse del paziente, per garantire una diagnosi celere e per instaurare al più presto un trattamento che possa preservare la vista del paziente.

 
Per discutere sulle più importanti e recenti acquisizioni in ambito di reumatologia e occhio, esperti reumatologi ed oculisti si sono confrontati durante il convegno “Malattie Reumatiche ed Occhio” tenutosi al Policlinico di Bari (Aula Magna “G. De Benedictis”), alla presenza di numerosi esperti di fama nazionale e internazionale e dei rappresentanti delle associazioni pazienti di Aifp (Associazione Italiana Febbri Periodiche), Simba (Associazione Italiana Sindrome e malattia di Bechet) e Apmar (Associazione Persone con Malattie Reumatiche)
 
Il variabile impegno infiammatorio oculare (uveite, episclerite, cheratite, vasculite retinica, secchezza oculare etc.) impone una diagnosi differenziale tra le più frequenti spondiloartriti ed altre malattie sistemiche di interesse reumatologico che riconoscono l’occhio tra gli organi bersaglio, come ad esempio la Malattia di Behçet, l’Artrite Idiopatica Giovanile Sistemica o le febbri periodiche ereditarie fra cui si annoverano la Febbre Mediterranea Familiare, la sindrome da IperIgD, le criopirinopatie e la sindrome periodica associata al recettore del Tnf (Traps).
 
“La cooperazione fra specialisti – afferma Giovanni Lapadula, Presidente dell’evento e Professore Ordinario di Reumatologia presso l’Università di Bari – è l’unica modalità di gestione di malattie complesse e spesso multiformi nelle loro manifestazioni cliniche, che garantisca il massimo della competenza e della esperienza specifica in tutti gli aspetti clinico-terapeutici di malattie spesso meno rare di quanto si pensi. Come spesso ho avuto modo di affermare la rarità di ogni sindrome clinica è inversamente proporzionale al grado di conoscenza che si ha di essa. Vale a dire che le malattie rare spesso sono solo mal (ri)conosciute”.
 
 
 
Impatto sulla qualità di vita. Nei pazienti affetti dalle malattie reumatologiche, una diagnosi tempestiva può favorire il pieno controllo della malattia, attraverso le cure, migliorando decisivamente speranza e qualità di vita. “L’informazione al cittadino è fondamentale affinché si possano fare dei reali passi avanti nel riconoscimento di queste patologie – ha affermato Antonella Celano, Presidente Apmar – a questa si affianca la formazione medico-scientifica, che rende possibile una diagnosi sempre più tempestiva. Come Apmar ci impegniamo continuamente sul fronte dell’informazione e la tutela del diritto alla salute affinché ogni paziente possa  intraprendere un percorso di cura tempestivo e adeguato”.
 
Chi è affetto da una di queste patologie, vive quasi in una condizione di “disabilità permanente”, dovendo fare i conti con difficoltà quotidiane e con una compromissione importante della qualità di vita. "L’evento è fondamentale per favorire la capillare conoscenza del coinvolgimento infiammatorio oculare in corso di malattia autoinfiammatoria, onde favorire una rapida diagnosi e la scelta terapeutica più adeguata per ogni singolo paziente” – ha dichiarato Paolo Calveri, Presidente Aifp – dal 2006 Aifp si impegna a fare e promuovere la rete di conoscenza, di informazione e di solidarietà tra i pazienti e quanti operano soprattutto nel campo delle Febbri Periodiche. - La tempestiva diagnosi ed appropriata terapia, trasformano la qualità di vita del paziente".
"Dopo anni di lavoro congiunto delle associazioni pazienti finalmente le diagnosi di malattie rare sono più veloci, e l’avvento dei farmaci biotecnologici ha drasticamente cambiato la qualità di vita dei pazienti, riuscendo molto spesso ad evitare la cecità, eventualità purtroppo frequente fino ad alcuni fa” ha detto Alessandra Del Bianco, presidente di Simba onlus, associazione italiana sindrome e malattia di Behcet presente da 10 anni sul territorio nazionale con l’obiettivo di informare, assistere e tutelare i familiari ed i pazienti affetti da questa malattia.
 
Le cure. I recenti progressi nello studio dei meccanismi patogenetici delle spondiloartriti e delle malattie IL-1 mediate hanno permesso di sviluppare programmi terapeutici in grado di ottenere un buon controllo della sintomatologia associata. Attualmente, come ricordato nel croso del convegno, per questi pazienti esistono terapie mirate in grado di portare tali patologie alla remissione clinica e laboratoristica, evitando  le complicanze a breve ed a lungo termine. Sono infatti disponibili, anche in Italia, farmaci biotecnologici come gli anti-TNFa e gli agenti anti-IL-1. Proprio i farmaci appartenenti a quest’ultima classe, risultano particolarmente efficaci nel controllo delle patologie in cui si riconosce una abnorme risposta infiammatoria causata da alti livelli sierici di IL-1B. Canakinumab nello specifico ha ottenuto indicazione EMA specifica per le febbri periodiche ereditarie.

25 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy