Quotidiano on line
di informazione sanitaria
25 SETTEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Pelle. Gli anti TNF-alfa possono “nascondere” un linfoma cutaneo

di Rita Buckley

Gli inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa (anti TNF-alfa), quando usati nel trattamento di alcune patolgie dermatologiche, potrebbero occultare un linfoma cutaneo. È quanto emerge da uno studio USA, che ha valutato 20 casi dal vivo e 31 presi dalla letteratura a riguardo. Lo studio è stato pubblicato dal Journal of the American Academy of Dermatology.

16 GEN - (Reuters Health) – L’utilizzo degli inibitori del fattore di necrosi tumorale alfa (anti-TNF-alfa) per il trattamento delle dermatosi atipiche potrebbe ‘nascondere’ un linfoma cutaneo o determinare un peggioramento della malattia. A dimostrarlo è stato un gruppo di ricercatori guidati da Joan Guitart, della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago. Lo studio è stato pubblicato dal Journal of the American Academy of Dermatology.
 
Lo studio
I ricercatori americani hanno preso in considerazione i pazienti con una diagnosi di linfoma in cura presso il loro istituto, dopo che avevano iniziato una terapia con anti-TNF-alfa, e hanno rivisto la letteratura scientifica a riguardo. Guitart e colleghi hanno identificato 22 pazienti, 15 uomini e sette donne, di cui 18 avevano problemi dermatologici prima del tumore e 15 si erano sottoposti a biopsia. I risultati dermatologici più comuni, osservati su 10 pazienti, sono stati psoriasi o dermatite psoriasiforme.

Le diagnosi
Dopo il trattamento con il farmaco anti-TNF-alfa, a 20 pazienti, il 90%, è stato diagnosticato un linfoma cutaneo a cellule T, in particolare micosi fungoide e sindrome di Sezary, mentre a 2, pari al 9%, è stato riscontrato un linfoma cutaneo a cellule B di tipo indolente. Per 15 pazienti, il 75%, l’anti-TNF-alfa era stato prescritto per una presunta malattia infiammatoria della pelle, in particolare psoriasi, dermatite psoriasiforme o eritroderma idiopatico. Cinque pazienti, infine, avevano ricevuto una diagnosi di artrite reumatoide, malattia di Crohn o sarcoidosi e tre di questi avevano una dermatite concomitante, ma non specificata, all’inizio della terapia con immunosoppressori.

Le evidenze
Il tempo medio che intercorreva tra l’inizio della terapia con anti-TNF-alfa e la diagnosi di linfoma cutaneo a cellule T era di sei mesi. Tre pazienti sono morti a causa del linfoma, mentre entrambi i pazienti con linfoma cutaneo a cellule B hanno raggiunto una remissione completa della malattia. E in letteratura i ricercatori hanno individuato altri 31 casi, di cui in 20 avevano ricevuto un anti-TNF-alfa per trattare una malattia sistemica, come artrite reumatoide o sindrome dell’intestino irritabile.
 
“I nostri risultati suggeriscono che i pazienti che assumono anti-TNF-alfa dovrebbero sottoporsi ad accurati esami della pelle, specialmente coloro che hanno malattie dermatologiche benigne”, dice Guitart, che indica tra gli esami specifici la biopsia cutanea e un esame del sangue. E quando un linfoma cutaneo non può essere completamente escluso, “i medici dovrebbero prendere in considerazione terapie alternative, dopo l’inizio del trattamento con anti-TNF-alfa”.

Fonte: Journal of the American Academy of Dermatology

Rita Buckley

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

16 gennaio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy