Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 APRILE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Hiv/Aids. L’appello di Elton John: “Rompere lo stigma”

Il celebre cantante inglese, attivo nel mondo dell’Hiv con la sua fondazione, torna a parlare dello stigma che ancora non permette a molte persone di ricevere informazioni e cure adeguate. John sottolinea come l’Hiv stia ora colpendo le fasce più povere della popolazione, in particolare in Usa

05 DIC - (Thomson Reuters Foundation) – Ancora troppe persone nel mondo contraggono l’Hiv e muoiono per malattie legate all’Aids a causa della stigmatizzazione e della mancanza di accesso alle informazioni e ai test. Elton John torna a parlare di Aids con una lettera pubblicata da quotidiano britannico The Independent.
 
La medicina oggi permette a chi ha l’Hiv di vivere una vita lunga e appagante senza infettare gli altri. “Tutti dovrebbero comprendere i rischi dell’Hiv e chiunque ne abbia bisogno dovrebbe avere la possibilità di un aiuto e sostegno dignitoso – scrive il cantante – Questo può accadere solo se conosciamo il nostro stato”.

Lo scenario. Più casi tra i poveri USA
Circa un quarto delle 37 milioni di persone sieropositive nel mondo non sa di avere il virus. L’anno scorso i casi di infezione sono stati 1,8 milioni. Nel 2017  quasi 22 milioni di persone hanno avuto accesso a farmaci antiretrovirali in tutto il mondo nel, rispetto agli 8 milioni del 2010. La maggiore disponibilità di medicinali salva-vita ha più che dimezzato le morti legate all’Aids a livello globale dal 2004.


L’Hiv/Aids “è iniziato come una malattia di giovani uomini gay negli anni ’80, gente benestante a New York, Los Angeles e San Francisco – ricorda John – Ora è una malattia dei poveri in tutta l’America, ma soprattutto nel Sud. Le persone vengono dimenticate, è una vergogna.”

Secondo i dati del Governo USA, nel 2016 il 44% delle diagnosi di Hiv negli Usa sono state fatte ad afroamericani, nonostante questi costituiscano solo il 12% della popolazione. Quasi 6 su 10 dei 17.528 afro-americani diagnosticati con il virus quell’anno sono uomini gay o bisessuali.

La lettera di John ha coinciso con un appello natalizio per finanziare progetti gestiti dalla sua organizzazione di beneficenza, la Elton John Foundation, ad Atlanta, Delhi, Kiev, Londra, Maputo e Nairobi. L’Elton John Foundation è stato, a livello mondiale, il settimo più generoso finanziatore di programmi per combattere l’Hiv/Aids.

Fonte: Thomson Reuters Foundation
 
Reuters Staff

 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

05 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy