Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tecnologia vaccinale su misura per contrastare le epidemie

Un accordo tra la Coaliton for Epidemic Preparedness Innovations e l’Imperial College London prevede lo sviluppo di una piattaforma vaccinale volta a contrastare diversi virus come quello dell’influenza e dell’Ebola.

11 DIC - (Reuters) – Una coalizione globale nata per contrastare le epidemie, investirà fino a 8,4 milioni di dollari per sviluppare un sistema di vaccini sintetici che potrebbero essere creati su misura per contrastare molteplici patogeni come quelli causa di influenza, Ebola, Marburg e rabbia. L’accordo, tra la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) e un team di scienziati dell’Imperial College London, è volto a sviluppare una “piattaforma vaccinale” che utilizzi RNA auto-amplificante (saRNA) sintetico.

Una piattaforma vaccinale è un sistema che utilizza le stesse componenti di base come spina dorsale e possa essere adattato per immunizzare l’uomo contro diverse malattie inserendo nuove sequenze genetiche, provenienti ad esempio dal virus dell’influenza, dal Marburg o dal virus della rabbia. "Potrebbe essere molto trasformativo. Cambierebbe il mondo in cui le persone vedono come sviluppare vaccini”, ha dichiarato Robin Shattock, specialista in infezioni mucosali e immunità a capo del team dell’Imperial che sta sviluppando il sistema, noto come RapidVac.


Stando alle sue parole, servono ancora diversi anni di ricerca e test, ma la speranza è che un giorno tale tecnologia possa portare alla rapida introduzione di vaccini iniettati con una singola dose contro un’epidemia emergente o di vaccini “cocktail” contro diverse malattie infettive. Il ragionamento dietro l’approccio con l’saRNA è sfruttare l’apparato cellulare del corpo per creare un antigene – in altre parole una sostanza estranea che induce una risposta immunitaria – piuttosto che iniettarlo direttamente nel corpo.

"L’altro vantaggio è che è molto rapido da produrre perché si tratta di un processo sintetico”, ha proseguito Shattock. Le epidemie di malattie infettive come l’Ebola in Africa o Zika in Brasile, sono sporadiche, imprevedibili e rapide. Tuttavia, sviluppare vaccini per combatterle attualmente può richiedere 10 anni o più. La CEPI, fondata a inizio 2017, è volta ad accelerare notevolmente lo sviluppo di vaccini contro malattie nuove e ignote – collettivamente conosciute come Malattia X.

"Non possiamo prevedere dove o quando attaccherà la Malattia X, ma con lo sviluppo di questi tipi di tecnologie vaccinali innovative possiamo essere pronti”, ha affermato Richard Hatchett, direttore della CEPI e specialista in contromisure mediche. Nell’ambito di questo accordo, il team di Shattock lavorerà con l’azienda tedesca BioNTech Pharmaceuticals e userà la piattaforma RapidVac per produrre vaccini contro un virus influenzale, il virus della rabbia e il virus Marburg.

L’obiettivo è quello che di iniziare studi di sicurezza sugli animali in laboratorio all’inizio del 2019 e passare a studi clinici di fase avanzata sugli esseri umani entro due anni.

Kate Kelland

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

11 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy