Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

L’Europa è entrata in una crisi sanitaria permanente e la colpa non è solo del Covid

di Hans Henri P. Kluge

Covid, crisi climatica, vaiolo delle scimmie, guerra in Ucraina. Ma non solo: ci sono altre crisi di lunga durata che sono relativamente silenziose – spesso passano inosservate – ma compromettono la salute di milioni di persone e gravano sui nostri sistemi sanitari in tutta la regione

28 SET -

Per oltre un secolo, l'Europa è stata alle prese con crisi multiple e epocali. Ma negli ultimi anni la frequenza delle crisi è aumentata, comprese quelle legate ai cambiamenti climatici e alle malattie infettive emergenti, con una diffusione sempre più rapida nel nostro mondo interconnesso. 

Il caldo estremo e gli incendi che hanno devastato molte parti d'Europa quest'estate sono solo un esempio.

La pandemia di COVID-19 in corso, con – finora – circa 250 milioni di casi confermati e con oltre 2 milioni di decessi registrati in Europa e in Asia centrale, è un'altra crisi che ha messo la salute in cima all'agenda politica e di sviluppo, ma la cui lezione in molti paesi potrebbe non essersi ancora completamente compresa. 

Poi, abbiamo l'attuale emergenza sanitaria pubblica del vaiolo delle scimmie di interesse internazionale, così come il recente riemergere della poliomielite di origine vaccinale nella nostra regione. 

E, non ultimo, una guerra devastante in Ucraina, che purtroppo non mostra segnali di de-escalation, ed è aggravata da orribili attacchi alle strutture sanitarie e ai fornitori, innescando anche una crisi di salute mentale di proporzioni immense. 

Questi sono tutti esempi evidenti che contribuiscono a quella che l'European Health Forum Gastein ha definito una "permacrisi" ovvero uno stato di crisi permanente.

Ma vorrei ampliare ed espandere la definizione di permacrisi oltre i cambiamenti climatici, le malattie infettive e la guerra.

Ci sono altre crisi di lunga durata che sono relativamente silenziose – spesso passano inosservate – ma compromettono la salute di milioni di persone e gravano sui nostri sistemi sanitari in tutta la regione. 

Mi riferisco qui alle malattie non trasmissibili, inclusi cancro, malattie cardiache, malattie legate all'alcol e al tabacco e all'epidemia di obesità. 

Senza dubbio il COVID-19 è la pandemia più visibile nella nostra vita, ma non è la più mortale. Non è la più prevenibile. Mi riferisco ad esempio alla pandemia delle malattie cardiovascolari. Durante il COVID-19, i morti a un'età media più giovane a causa di infarti e ictus, rispetto al periodo peggiore del COVID-19 sono stati cinque volte di più.

I 3 principali fattori – prevenibili – di ictus e infarto sono il consumo di tabacco, l'ipertensione e l'inquinamento atmosferico. 

L'unica cosa che uccide più persone nella nostra regione del tabacco è l'ipertensione: 2,4 milioni di persone l'anno, ovvero 1 decesso su 4 nella nostra regione. 

Naturalmente, sappiamo che l'ipertensione è anche collegata all'obesità. Un bambino su quattro nella scuola primaria nella nostra regione vive con sovrappeso o obesità.

Ecco perché siamo stati molto ispirati dall'annuncio al Comitato Regionale di Tel Aviv 2 settimane fa dalla First Lady della Croazia, che sta istituendo il vertice paneuropeo dell'OMS di First Ladies e First Gentlemen per affrontare l'obesità infantile, con il primo vertice accadrà l'anno prossimo in Croazia. 

Ovviamente, l'ipertensione è legata anche al consumo di alcol. La nostra regione ospita i bevitori più pesanti del mondo. Un decesso su tre tra i giovani è legato all'alcol. 

Non esiste un livello sicuro di bere; ci sono prove sufficienti a riguardo. E il quadro regionale per contrastare il consumo di alcol è stato adottato per la prima volta dal nostro Comitato regionale di Tel Aviv appena concluso. 

Il terzo grande fattore di ictus e infarti è l'inquinamento atmosferico. Solo nella nostra regione, l'inquinamento atmosferico uccide 550.000 persone l'anno, la metà a causa di malattie cardiovascolari.

Sono tornato la scorsa settimana dal Kazakistan, dove ho partecipato alla riunione dei ministri della salute della Comunità degli Stati Indipendenti in Turkestan, e mi ha ricordato i vecchi nemici scomparsi dall'agenda politica: ovvero l'HIV/AIDS. 

La nostra regione e la regione africana, sono le uniche regioni dell'OMS in cui l'HIV è ancora in aumento; ma è molto comodo politicamente non averlo più all'ordine del giorno. Perché ciò che è necessario sono maggiori sforzi per raggiungere le popolazioni chiave, che includono uomini che fanno sesso con uomini, persone transgender, prostitute e partner sessuali di persone in quei gruppi. Abbiamo urgente bisogno di un forte impegno politico e di finanziamenti per rafforzare i servizi per l'HIV. Sappiamo che in diversi paesi fino al 50% dei servizi di test dell'HIV sono stati chiusi durante la pandemia di COVID-19.

Quindi sì, siamo in una permacrisi che va ben oltre la pandemia, i cambiamenti climatici e la guerra. Questa è la nostra nuova normalità. E la nostra nuova normalità richiede una risposta a “doppio binario”.

Cosa significa questo? 

Da un lato, dobbiamo prepararci urgentemente per emergenze sanitarie come pandemie, crisi e conflitti legati al clima. D'altra parte, dobbiamo rafforzare urgentemente i nostri attuali sistemi sanitari e servizi essenziali per affrontare la permacrisi delle malattie non trasmissibili e dell'HIV. Uno non può essere sacrificato per l'altro. Richiede investimenti nel personale sanitario e nella salute mentale. 

Questo approccio a doppio binario dovrebbe guidare l'OMS/l'Europa e il lavoro che facciamo per sostenere i nostri paesi e l'Unione Europea. 

Queste sfide sono scoraggianti. Ma questo non significa che dobbiamo arrenderci. 

Possiamo – e dobbiamo – affrontare insieme la permacrisi nella sua interezza, in modi pratici a beneficio di tutti. 

Auguro a tutti noi pace e salute forte. 

Hans Henri P. Kluge

WHO Regional Director for Europe 



28 settembre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy