Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 05 AGOSTO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata internazionale della donna. L'UE lancia l'allarme: una su tre ha subito violenza. E i Paesi scandinavi sono quelli più a rischio

di Grazia Labate

I primi in quasi tutte le classifiche legate alle esperienze di violenza di genere sono i Paesi scandinavi. Ma i bassi dati di Paesi come l'Italia o la Repubblica Ceca sono spesso dovuti al timore di denunciare la violenza. Questi i risultati di un'indagine realizzato dall'Agenzia Fra che verrà discussa oggi nel Parlamento europeo. LO STUDIO

05 MAR - La Riunione interparlamentare “Violenza sulle donne – Una sfida per tutti”, presso il Parlamento europeo, di oggi 5 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna dell'8 marzo, sarà l’occasione, tra l’altro, per la presentazione dell’Indagine sulla violenza di genere contro le donne in Europa, realizzato dall’Agenzia europea dei diritti fondamentali – Fra, (European Union Agency for Fundamental Rights). Si tratta di uno studio su larga scala, iniziato nel 2011, basato in particolare sull’intervista di oltre 42.000 donne (circa 1.500 per Stato membro) di età compresa tra 18 e 74 anni circa la loro esperienza di violenza fisica, sessuale e psicologica, di vittimizzazione nell'infanzia, di molestie sessuali e stalking, e di abusi subiti via Internet. La raccolta dei dati è stata completata nel settembre del 2012.
I risultati: machismo, alcolismo, concezione proprietaria del corpo della donna. C'è sempre un fattore scatenante per violentare, picchiare, minacciare, offendere e perseguitare una donna. Quando si parla di donne, non c'è Paese che possa vantare un livello di civiltà degno di questo nome.


La ricerca dell'Agenzia dell'Ue per i diritti fondamentali (Fra), la più grande condotta finora a livello mondiale, presentata oggi a Bruxelles parla chiaro per mettere tutti i Paesi dell'Ue davanti a una realtà, che Marten Kjaerum, direttore della Fra, definisce, "inaccettabile".

Nel 2014, 62 milioni di cittadine europee, una ogni tre, dichiarano di aver subito violenza fisica e/o sessuale sin dall'età di 15 anni. Nel 22% dei casi è stato il partner a compierla. Quasi una donna su 10 è stata invece stuprata da un uomo che non era il proprio compagno. Il 43% ha subito violenza psicologica.
Il 33% è stata vittima di violenza fisica o sessuale durante l'infanzia. Il 18% ha subito stalking, un incubo infernale, che il 21% di loro ha vissuto per oltre due anni, e che per molte continua ancora oggi. Il 5% ne è stata vittima negli ultimi 12 mesi precedenti l’indagine, in pratica 9 milioni di donne che vivono prive della libertà di rispondere al telefono, uscire di casa senza l’incubo dello stalker in agguato.

E’ una ricerca dolorosa a cui sono pervenute le ricercatrici della Fra che tra marzo e settembre 2012 hanno incontrato 42mila cittadine tra i 18 e i 74 anni: 1.500 donne per ognuno dei 28 Stati membri. Il 67% non ha mai denunciato l'episodio di violenza subita. Per la prima volta un'indagine di così larga scala non viene fatta per telefono ma attraverso colloqui privati, che a seconda dei casi sono durati dai 25 minuti alle due ore. E hanno permesso alle vittime di rompere il silenzio, ma soprattutto "vincere, anche solo per un momento, la paura", dice Joanna Goodey a capo del gruppo di ricerca Fra.
È questo infatti il sentimento che accomuna le donne europee: il 67% non ha mai denunciato alla polizia o ad altre organizzazioni l'episodio più grave di violenza subita dal proprio partner.

"Paura che vede le italiane al primo posto e che spesso non permette di monitorare il fenomeno sino in fondo", sottolinea Goodey. Basta osservare i dati dei 28 Stati Ue per capire che se l’Italia non risulta ai primi posti non è perché la violenza contro le donne sia in calo, "ma perché spesso è considerata un affare di famiglia e c’è più reticenza nel raccontarla, denunciarla", spiega l’esperta. Una dolorosa ferita cui quasi ci si è abituati.
Le italiane insieme con le inglesi si classificano infatti al terzo posto nel pensare che la violenza di genere sia comune nel proprio Paese. Prima di loro ci sono solo le croate (39%) e le portoghesi (60%).
 
Eppure in Italia 'solo' il 27% ha dichiarato di aver subito violenza fisica o sessuale dopo i 15 anni, in Spagna il 22%. I Paesi che hanno registrato la percentuale maggiore non sono gli Stati considerati machisti per eccellenza, ma la Danimarca (52%), la Finlandia (47%) e la Svezia (46%). Quelli con la più bassa percentuale: Polonia (19%), Austria (20%) e Croazia (21%).

Così come a essere state vittime di violenza prima dei 15 anni sono sempre più numerose le cittadine del Nord Europa: Finlandia, 53%, Estonia 50%, e Francia 47%. Italia 33%, Spagna 30%. Gli ultimi: Cipro, Slovenia e Polonia. Quando poi gli abusi avvengono fuori dalle mura domestiche, a sfalsare i dati c’è ancora una volta la paura: "In Italia c’è un maggiore controllo sociale del fenomeno: le donne escono meno da sole perché temono di subire violenza, si autolimitano nella propria libertà perché sanno di correre dei rischi", rileva Goodey. E se non ci pensano è la società a ricordarglielo. Anche se purtroppo contro la violenza, verbale, sessuale, fisica e psicologica, non ci sono difese.

Il 55% delle cittadine europee racconta di aver subito molestie sessuali, al 32% è successo sul posto di lavoro e il responsabile è un superiore, un collega o un cliente. Se poi a comandare sono le donne, la molestia è ancora più frequente: a denunciarla sono il 75% delle intervistate che svolgono professioni qualificate o manageriali ad alto livello. Sul tema, solo per fare un esempio, la denuncia delle deputate del PD sul caso del neoministro Maria Elena Boschi, è indicativo a partire dal modo in cui è stato ripreso, commentato e riproposto sui media il suo lato b durante la firma al Quirinale.
 
"Quello delle molestie sessuali è un fenomeno talmente pervasivo, che lascia attoniti - commenta ancora Goodey - una donna su due ogni secondo subisce una molestia sessuale. Ciò vuol dire che per quanto sia alto il livello di denuncia, siamo completamenti impotenti nel limitare questo tipo di violenza, che assume cento forme e cento volti".
L'11% delle donne europee è stata molestata attraverso avance inopportune con riferimenti sessuali espliciti ricevuti sui social network o attraverso messaggi di posta elettronica o via sms. Perché la violenza non ha confini reali né virtuali: il 20% delle giovani tra i 18 e i 29 anni ha raccontato un'esperienza di violenza online.

Da qualunque angolo visuale si leggail rapporto della Fra, il risultato è un vero e proprio accanimento. E non ci sono territori neutrali: "Anche nei Paesi dove le percentuali sono più basse, il fenomeno è comunque preoccupante", dice Kjaerum, che afferma: "E' tempo di agire, non si può più aspettare».
A colpire il direttore sono soprattutto i dati che testimoniano come nel Nord Europa la percentuale di donne maltrattate sia altissima. "E come ora loro stesse stiano prendendo coscienza del problema". Per questo sono anche quelle che denunciano di più, viste le percentuali dell’indagine.

Paesi dove il benessere economico e l’emancipazione femminile facevano pensare a un livello maggiore di civiltà, si scoprono fermi a visioni ancestrali della donna. I primi in quasi tutte le classifiche legate alle esperienze di violenza di genere non sono infatti i Paesi cosiddetti latini del Sud, ma gli scandinavi.
"A influire sono fattori diversi Paese per Paese, al Nord più che il machismo è spesso l’alcolismo il fattore scatenante", dice il direttore della Fra, "ma la drammaticità della situazione non cambia".
E non si tratta solo di violenza fisica o sessuale. Anche quando si parla di molestie sessuali e stalking il Nord ha la maglia nera con al primo posto la Svezia (33%), segue il Lussemburgo(30%) e la Francia (29%).

Ma ancora una volta Kjaerum ricorda come non è certo il 18% dell’Italia o le basse percentuali della Romania e della Lituania (l’8%) o della Repubblica ceca (9%), "a tranquillizzarci". In quei Paesi "è infatti spesso la scarsa consapevolezza e il timore di denunciare la violenza subita". Per questo l'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali spinge ad avviare quanto prima un’azione comune. Un fronte europeo contro la violenza di genere.
L'obiettivo è sensibilizzare, far conoscere, capire: "Questa ricerca deve spingere gli Stati membri a mettere al primo posto dell’agenda europea il problema".

Il primo traguardo da raggiungere è "esercitare un pressing forte affinché i Paesi che ancora non hanno ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul), lo facciano al più presto".
Un passo importante in una battaglia tutta ancora da vincere, ma un passo decisivo per un’Europa di donne e uomini i cui valori di riferimento devono consolidarsi contro ogni machismo, abuso, violenza per affermare libertà e dignità della persona umana.

Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria York U.K. 

05 marzo 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy