Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 AGOSTO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Non parliamo solo di vaccini

di Grazia Labate

Potremmo non ottenere mai una "cura" per il coronavirus. Non ne abbiamo una per l'influenza o il comune raffreddore o altre infezioni simili. Tuttavia, ora esiste un trattamento che funziona e altri che sembrano promettenti. I medici stanno testando farmaci che sono già stati sviluppati e sono noti per essere abbastanza sicuri da usare, quindi ci si può aspettare più risultati, relativamente presto, dagli studi

21 SET - Studi in tutto il mondo stanno tentando di identificare i trattamenti per le persone con Covid-19. Si stanno individuando i primi farmaci che fanno la differenza. Sono in fase di ricerca più di 150 farmaci diversi in diversi paesi. La maggior parte sono farmaci esistenti che vengono sperimentati contro il virus.
 
Il Regno Unito sta conducendo il più grande studio clinico al mondo , chiamato Recovery, con oltre 12.000 pazienti che vi prendono parte.
 
E’ uno dei pochi studi ad aver dato una visione precisa su quali farmaci funzionano e quali no.
L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta conducendo il processo Solidarity per valutare trattamenti promettenti nei paesi di tutto il mondo
Diverse società farmaceutiche stanno conducendo prove sull’uso dei propri farmaci
 
Ci sono tre ampi approcci allo studio:
- Farmaci antivirali che influenzano direttamente la capacità del coronavirus di prosperare all'interno del corpo.
- Farmaci che calmano il sistema immunitario (il Covid-19 grave è causato dal sistema immunitario dei pazienti che reagisce in modo eccessivo e danneggia il corpo).
- Anticorpi che possono colpire il virus, prelevati dal plasma sanguigno dei sopravvissuti o prodotti in laboratorio.
 
È possibile che farmaci diversi funzionino meglio in fasi diverse, come gli antivirali all'inizio e i farmaci immunitari nelle malattie in fase avanzata. Verranno studiate anche combinazioni di terapie.
 
Di tutti i farmaci in fase di sperimentazione, solo gli steroidi hanno dimostrato di salvare vite umane e la scoperta è stata una svolta significativa nella lotta contro il coronavirus.
 
Lo studio Recovery nel Regno Unito ha mostrato che lo steroide desametasone riduce il rischio di morte di un terzo per i pazienti con ventilatore e di un quinto per quelli con ossigeno.
E ulteriori dati suggeriscono che anche un altro steroide, l'idrocortisone, è altrettanto efficace.
Entrambi calmano l'infiammazione (parte della risposta immunitaria) nel corpo, che può diventare dannosa nei casi più gravi.
 
Fondamentalmente è anche economico, il che significa che potrebbe essere utilizzato in tutto il mondo.
Tuttavia, il farmaco non funziona su persone con sintomi più lievi.
 
Quali altri farmaci sembrano promettenti?
Remdesivir è un farmaco antivirale originariamente sviluppato per il trattamento dell'Ebola.
Studi clinici condotti su oltre 1.000 persone hanno scoperto che ha ridotto la durata dei sintomi da 15 giorni a 11. Non è stato dimostrato che salvi vite, sebbene gli studi siano ancora in corso.
 
Tuttavia, gli Stati Uniti hanno acquistato quasi tutta la fornitura, con il produttore Gilead che ne ha donato anche una parte alla Corea del Sud.
 
L'interferone beta è una proteina che il corpo produce normalmente per attenuare l'infiammazione. È usato come trattamento per la sclerosi multipla.
 
La società britannica Synairgen sta somministrando il farmaco direttamente ai polmoni dei pazienti con Covid-19 utilizzando un nebulizzatore.
I risultati iniziali suggeriscono che il trattamento ha ridotto le probabilità che un paziente in ospedale sviluppi una malattia grave, ma ora sono necessari studi clinici più ampi.
 
Un paio di farmaci chiamati lopinavir e ritonavir, farmaci antivirali che impediscono la replicazione dell'HIV, sono stati anch’essi sotto i riflettori.
 
Se ne è parlato molto e anche i primi studi di laboratorio suggerivano che potevano essere efficaci anche contro il coronavirus.
 
Tuttavia, il Recovery del Regno Unito ha dimostrato che erano inefficaci e l'OMS ha anche ritirato i farmaci dal loro processo di solidarietà.
Così come si è parlato molto di clorochina e il farmaco correlato, l'idrossiclorochina, per il fatto che possono avere proprietà antivirali e immuno-calmanti.
 
I farmaci sono venuti alla ribalta come potenziali terapie per il coronavirus, in gran parte a causa delle affermazioni fatte dal presidente Trump e perché i primi test di laboratorio dimostravano che potevano inibire il coronavirus .
Tuttavia, lo studio Recovery del Regno Unito ha rilevato che l' idrossiclorochina non funziona come trattamento per il Covid-19 e l'OMS ha interrotto la sperimentazione del farmaco.
 
Le persone che sopravvivono a un'infezione dovrebbero avere anticorpi nel sangue che possono attaccare il virus?
Il plasma sanguigno (la parte che contiene gli anticorpi) può essere estratto da coloro che sono guariti e poi somministrato ai malati come "plasma convalescente".
 
Si spera che trasfondere pazienti gravemente malati con il plasma possa dare una mano al sistema immunitario in difficoltà.
 
Questa terapia è ora in fase di sperimentazione su persone nel Regno Unito e negli Stati Uniti, tra gli altri paesi. Sono attualmente in corso due prove separate nel Regno Unito.
 
La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso l'autorizzazione di emergenza per l'uso del plasma per il trattamento dei pazienti affetti da coronavirus sulla base dei risultati promettenti dei primi studi, anche se alcuni esperti dicono che è troppo presto per sapere quanto sia efficace il trattamento.
 
Quanto ci vorrà prima di avere una cura?
Potremmo non ottenere mai una "cura" per il coronavirus. Non ne abbiamo una per l'influenza o il comune raffreddore o altre infezioni simili.
Tuttavia, ora esiste un trattamento che funziona e altri che sembrano promettenti.
 
I medici stanno testando farmaci che sono già stati sviluppati e sono noti per essere abbastanza sicuri da usare, quindi ci si può aspettare più risultati, relativamente presto, dagli studi.
Ciò contrasta con le sperimentazioni sui vaccini (che proteggono dalle infezioni piuttosto che trattarle) in cui i ricercatori iniziano da zero.
 
Anche alcuni farmaci sperimentali per il coronavirus completamente nuovi sono in fase di sperimentazione in laboratorio, ma non sono ancora pronti per i test sull'uomo.
Il motivo più ovvio per volere un trattamento è che salverà vite umane, ma potrebbe anche consentire l'eliminazione di restrizioni come blocchi e allontanamento sociale.
 
Avere un trattamento efficace, in sostanza, renderebbe il coronavirus una malattia più lieve.
Se impedisse alle persone ricoverate in ospedale di aver bisogno di ventilazione, ci sarebbe meno rischio che le unità di terapia intensiva vengano sopraffatte, infine i controlli sulla vita delle persone potrebbero non essere così rigorosi. Certo prevenire è meglio che curare ma in attesa di una buona terapia salva vite umane, procura minori sofferenze, consente ai sistemi sanitari di reggere l’impatto epidemico e ci induce a pensare che si può convivere con il virus in attesa di sconfiggerlo del tutto.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità

21 settembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy