Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 APRILE 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Gaza. Oms trasferisce 32 pazienti critici (2 bimbi) dal Nasser Medical Complex. “Si teme per la sicurezza degli altri pazienti”


La struttura inutilizzabile a seguito di un raid militare il 14 febbraio, dopo una settimana di assedio. L’ospedale non ha elettricità né acqua corrente. La distruzione tutto intorno all’ospedale, ha detto il personale dell’Oms, è “indescrivibile”. Quattro ambulanze della Mezza Luna Rossa Palestinese hanno trasportato i pazienti. Si stima che all’interno dell’ospedale siano rimasti 130 pazienti malati e feriti e almeno 15 tra medici e infermieri.

21 FEB - Due missioni salvavita condotte dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) per trasferire 32 pazienti critici, tra cui due bambini, dal Complesso Medico Nasser nel sud di Gaza all’European Gaza Hospital di Khan Younis, all’ospedale Al-Aqsa nella zona centrale di Gaza e agli ospedali da campo dell’International Medical Corps, degli Emirati Arabi Uniti e dell’Indonesia a Rafah. A riferire delle operazioni, avvenute il 18 e 19 febbraio “tra le ostilità in corso e le restrizioni di accesso”, è una nota degli Uffici dell’Oms dell’Area Est Mediterrane. Le missioni ad alto rischio sono state condotte in stretta collaborazione con la Società della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) e l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA). L’équipe ha anche fornito forniture limitate di medicinali essenziali e cibo per i pazienti e il personale rimanenti, altrimenti tagliati fuori dagli aiuti.

Il trasferimento dei pazienti, spiega la nota, è stato richiesto dal personale dell’ospedale dopo che la struttura è diventata inutilizzabile a seguito di un raid militare il 14 febbraio, dopo una settimana di assedio. “I pazienti deboli e fragili sono stati trasferiti in mezzo a un conflitto attivo vicino al convoglio di aiuti. Le condizioni delle strade hanno ostacolato il rapido movimento delle ambulanze, mettendo ulteriormente a rischio la salute dei pazienti”.

Tra i pazienti trasferiti durante le missioni vi erano tre pazienti paralizzati – due dei quali con tracheostomia – e diversi altri con fissatori esterni per gravi lesioni ortopediche. Due dei pazienti paralizzati hanno richiesto una ventilazione manuale continua per tutto il viaggio, a causa della mancanza di ventilatori portatili. Un paziente con una frattura spinale, precedentemente inviato al Nasser dall’Oms durante una missione all’ospedale di Al-Ahli, nel nord di Gaza, ha dovuto essere trasferito nuovamente nonostante le sue condizioni.

L’ospedale Nasser non ha elettricità né acqua corrente, e i rifiuti medici e l’immondizia stanno creando un terreno fertile per le malattie. Il personale dell’OMS ha dichiarato che la distruzione intorno all’ospedale è “indescrivibile”. L’area era circondata da edifici bruciati e distrutti, con pesanti strati di detriti e nessun tratto di strada intatto.

Si stima che all’interno dell’ospedale siano rimasti 130 pazienti malati e feriti e almeno 15 tra medici e infermieri. Poiché l’unità di terapia intensiva non era più funzionante, il personale dell’Oms ha trasferito l’unico paziente rimasto in terapia intensiva in un’altra parte del complesso, dove altri pazienti ricevono cure di base.

L’Oms esprime preoccupazione per la sicurezza e il benessere dei pazienti e degli operatori sanitari rimasti nell’ospedale e avverte che un’ulteriore interruzione delle cure salvavita per i malati e i feriti porterebbe ad altre morti. Sono in corso sforzi per facilitare il trasferimento di ulteriori pazienti in mezzo alle ostilità in corso.

“Prima delle missioni – riferisce la nota -, l’Oms ha ricevuto due dinieghi consecutivi all’accesso all’ospedale per la valutazione medica, causando ritardi nel trasferimento di pazienti urgentemente necessari. Secondo quanto riferito, almeno cinque pazienti sono morti nell’unità di terapia intensiva prima che fosse possibile effettuare missioni o trasferimenti”.

Il 17 febbraio, una missione guidata dall’UNRWA, che comprendeva anche personale dell’OMS, ha consegnato 24.000 litri di carburante e limitate scorte di cibo e acqua all’ospedale, dopo che il 16 febbraio non era stato possibile raggiungerlo a causa delle impervie condizioni della strada, tra cui un profondo fossato fangoso e impraticabile a 50 metri dall’ospedale. Quel giorno, nonostante i rischi, il personale dell’OMS, accompagnato da un ingegnere, è riuscito a raggiungere il Nasser Medical Complex a piedi. Tuttavia, è stato permesso loro solo di esaminare il generatore, che aveva smesso di funzionare dopo aver esaurito il carburante. Durante entrambe le missioni, il personale senior dell’OMS si è chiaramente identificato all’ingresso nel complesso ospedaliero e ha chiesto l’autorizzazione a valutare i pazienti e la funzionalità dell’ospedale. Queste richieste sono state negate.

“Con il proseguire dei raid, ogni ulteriore danno al Nasser Medical Complex comporterà ulteriori ritardi nel ripristino delle funzionalità”, evidenzia la nota. “Il grande magazzino medico dell’ospedale, con le forniture fornite dall’Oms e dai partner, è bruciato e il magazzino per le forniture mediche quotidiane è parzialmente danneggiato. Il centro di ricostruzione degli arti sostenuto dall’Oms, ospitato all’interno dell’ospedale, non è più operativo. Si tratta di sviluppi tragici che limiteranno ulteriormente l’accesso all’assistenza sanitaria in un contesto in cui i bisogni continuano ad aumentare”.

Lo smantellamento e il degrado del complesso medico Nasser sono un duro colpo per il sistema sanitario di Gaza. Le strutture nel sud stanno già operando ben oltre la capacità massima e sono a malapena in grado di accogliere altri pazienti.

L’Oms ribadisce il suo appello a proteggere i pazienti, gli operatori sanitari, le infrastrutture sanitarie e i civili. “Gli ospedali non devono essere militarizzati, utilizzati in modo improprio o attaccati”. Dall’Oms anche un nuovo invito a tutte le parti “a rispettare il diritto umanitario internazionale e i principi di precauzione, distinzione e proporzionalità, e a garantire un accesso continuo affinché gli ospedali possano continuare a fornire cure salvavita”.

21 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy