Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 APRILE 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Oms. Sempre più attacchi contro operatori sanitari: “Solo nel 2014 ne sono stati uccisi 603”


Ma i dati sono ancora frammentati. Ecco perché dal prossimo anno sarà attivo un sistema di raccolta dei dati che consentirà anche di utilizzare le informazioni per identificare i modelli e trovare il modo di evitare le aggressioni o mitigare le loro conseguenze.

07 DIC - Nelle prime ore del 3 ottobre, alcuni razzi si sono abbattuti su di un ospedale di Medici Senza Frontiere (MSF) a Kunduz, in Afghanistan, uccidendo almeno 14 operatori sanitari e ferendone 37. Un altro presidio MSF nella città meridionale dello Yemen di Taiz è stato bombardato il 2 dicembre, ferendo 9 persone, tra cui 2 operatori di MSF. Dal 2012, quasi il 60% degli ospedali in Siria sono stati parzialmente o completamente distrutti,  e più della metà degli operatori sanitari del paese sono fuggiti o sono stati uccisi.
 
Ma non solo, dall'Ucraina all'Afghanistan, gli operatori sanitari sono in prima linea di fuoco. Nel solo 2014, 603 operatori sanitari sono stati uccisi e 958 feriti in questi attacchi in 32 paesi, secondo i dati dell’Oms che sottolinea come “gli attacchi e le morti sono tragiche, ma la perdita di operatori sanitari, dei servizi e strutture risultati in meno cura per le persone, aggrava le sofferenze causate dai conflitti e da altre emergenze”.
 
“Proteggere gli operatori sanitari è una delle responsabilità più pressanti della comunità internazionale", ha dichiarato Jim Campbell, direttore del dipartimento di salute della forza lavoro del WHO. "Senza la salute dei lavoratori, non c'è assistenza sanitaria".
 
Fino ad oggi, i dati relativi agli attacchi contro gli operatori sanitari è stata frammentata e non c'è alcuno standard per le segnalazioni. Per far fronte a questa necessità l’Oms ha sviluppato un nuovo sistema di raccolta dei dati che è in fase di sperimentazione in Repubblica Centrafricana, Repubblica Araba di Siria e Cisgiordania e Striscia di Gaza. Sarà disponibile per l'uso all'inizio del prossimo anno. Ma il progetto non solo lo scopo di raccogliere i dati. Si prevede anche di utilizzare le informazioni per identificare i modelli e trovare il modo di evitare le aggressioni o mitigare le loro conseguenze.
 
"Ogni volta che un medico ha troppo paura di venire a lavoro, o un ospedale è bombardato, o le forniture vengono saccheggiate, s’impedisce l'accesso alle cure sanitarie", ha detto Erin Kenney, che gestisce il progetto OMS che ha sviluppato il nuovo sistema.
 
In Pakistan, dove 32 operatori sanitari e altro personale coinvolti l'eradicazione della polio sono stati uccisi dal 2012, ci sono stati meno incidenti passando dall’effettuazione di campagne di quattro giorni a campagne di un giorno, e studiando i momenti più sicuri in cui inviare i vaccinatori.

07 dicembre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy