Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Magi (Sumai): “Piano non incide sulla causa reale che determina le liste d’attesa ovvero la mancanza di specialisti che fanno le prestazioni”


21 FEB - Antonio Magi, segretario generale del Sumai Assoprof valuta insufficiente il nuovo Piano nazionale delle liste d’attesa. Perché, spiega Magi, non affronta in maniera strutturale la causa reale che detemina le liste, ovvero la mancanza di specialisti. Insistere sulle Agende e sui Cup è sbagliato così come continuare a condannare la libera professione.

“L’approvazione del nuovo Piano nazionale di governo delle liste d’attesa (PNGLA) non riuscirà nell’obiettivo di governale le liste d’attesa. E questo per un semplice motivo perché non va ad incidere sulla causa reale che determina le liste d’attesa: la mancanza di specialisti che fanno le prestazioni, siano ambulatoriali che in regime di ricovero. È un peccato. A prima vista sembra l’ennesima occasione sprecata. Insistere su concetti come le “agende trasparenti” è del tutto inutile, perché le prestazioni le fanno i medici, e nello specifico delle prestazioni ambulatoriali le fanno gli specialisti ambulatoriali. Parlare di agende trasparenti non vuol dire nulla se non ci sono i professionisti che smaltiscono le prenotazioni delle agende trasparenti.

“La scorsa settimana un eminente professor come Americo Cicchetti, direttore dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha avanzato una proposta che il SUMAI sostiene da tempo ovvero “Portare gli specialisti ambulatoriali da 20 ore settimanali di media a 38 ore”. Questa oltre a risolvere il problema della carenza dei medici specialisti è l’unica soluzione per il governo delle liste d’attesa.
 
“Le liste, è noto da tempo, nascono a causa dei ridotti finanziamenti al Servizio sanitario nazionale che si riverberano sul personale in termini di mancate assunzioni e sblocco del turn over. Le liste d’attesa sono quindi determinate dalla carenza di medici specialisti, e dal concomitante aumento del fabbisogno di cure da parte di una popolazione sempre più avanti con l’età che spesso soffre di varie patologie.
 
“L’ultima legge di bilancio ha stabilito che in tre anni ai Cup andranno 450 milioni di euro per l’ammodernamento tecnologico e la gestione delle agende. Ebbene se parte di quei soldi il Governo l’avesse destinata al personale per far aumentare il numero di ore degli specialisti ambulatoriali, facendole passare a richiesta, da 20 a 38, come previsto dall’ultimo Acn avremmo fatto un grosso passo in avanti.
 
“I primi a giovarsene sarebbero stati i cittadini che di colpo avrebbero avuto visto ridursi drasticamente i tempi d’attesa. E invece no, il Governo e le Regioni con l’approvazione di questo Piano Nazionale continuano a criminalizzare il regime della libera professione perché porta voti alla classe politica tutta, sia nazionale che regionale, in un paese che tre elezioni politiche amministrative ed europee, è in perenne campagna elettorale, senza però dire ai cittadini/elettori che con la libera professione ci guadagnano tutti, il Ssn, i vari Ssr (nonostante i vari governatori continuino a criminalizzare l’intramoenia), e le aziende.
 
“Ma tant’è. I medici come al solito continueranno a fare la loro parte, il loro lavoro con coscienza dando risposte ai bisogni di salute ai cittadini e offrendo, purtroppo inascoltati, soluzioni reali e concrete”.  

21 febbraio 2019
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy