Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 FEBBRAIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Lattuca (Pd): "Testo approvato in commissione è pienamente conforme alla Costituzione"


16 MAR - “La legge sul biotestamento approvato dalla Commissione Affari sociali ha il grande pregio di essere pienamente conforme alla Costituzione e rispettoso del principio di laicità. Rifiutando la logica del perfezionismo giuridico, consente a ciascuno di determinare la propria esistenza senza essere costretto a subire trattamenti sanitari contro la propria volontà. Per questo il Pd voterà per respingere le pregiudiziali di costituzionalità”. Lo ha detto Enzo Lattuca, deputato del Pd e componente della commissione Affari costituzionali della Camera, durante la dichiarazione di voto sulle pregiudiziali di costituzionalità al testo unico in materia di consenso informato e dichiarazioni anticipate di volontà nei trattamenti sanitari.

“Gli stessi articoli della Costituzione richiamati da chi si oppone all'approvazione di questa legge - prosegue Lattuca - esigono un intervento legislativo in materia. Non vi è infatti alcun ragionevole dubbio nel ritenere che il principio dettato dall’art. 32 della Costituzione si traduca nel diritto del paziente del pieno possesso delle proprie facoltà intellettive di rifiutare un qualsiasi trattamento sanitario. Con questa legge, finalmente, si disciplina il consenso informato dopo decenni nei quali per via amministrativa e giurisprudenziale tale istituto è entrato nella pratica del rapporto tra medico e paziente. Ma quando il paziente si trova nella condizione, reversibile o irreversibile, di incapacità di intendere e di volere, il nostro ordinamento non consente condizioni di eguaglianza e di effettività di quanto previsto dall’art 32", ha spiegato.
 
"Con questa legge si introduce la possibilità di proiettare nel futuro le proprie dichiarazioni anticipate di trattamento. Si colma così una lacuna ormai unica tra i Paesi contraenti le stesse convenzioni internazionali sopra citate. Con questo provvedimento a ben vedere si fa vivere fino in fondo quanto previsto dalla Costituzione. E cioè: il diritto alla vita e il diritto alle cure che mai può trasformarsi in un ‘dovere coercibile di vita o di cura’ (Flick); il rispetto della dignità umana, che non può che passare dal principio di autodeterminazione della persona; il diritto alla libertà personale che si sostanzia in diritto all’intangibilità del proprio corpo e della propria integrità fisica. Infine, è davvero difficile pensare alla configurazione di un diritto all’obiezione di coscienza del personale medico rispetto a condotte omissive, ovvero di fronte alla legittima pretesa del paziente di non essere sottoposto a cure non desiderate. Mi rendo conto della sensibilità della materia che stiamo affrontando. Ma credo che, arrivati a questo punto con colpevole ritardo, non possiamo sottrarci dalla responsabilità di legiferare con cautela, lucidità e senza indugio”, conclude il deputato dem.

16 marzo 2017
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy