Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 02 MARZO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Sicurezza voli dalla Cina. Easa ed Ecdc raccomandano uso mascherine Ffp2 per passeggeri con sintomi di patologie respiratorie. Le linee guida Ue 


Pubblicate le raccomandazioni da parte dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. “Questo addendum è una pronta risposta coordinata europea alla rapida diffusione del COVID-19 in Cina, in modo da garantire la sicurezza sanitaria nel trasporto aereo e limitare la diffusione del virus in altre regioni". LE LINEE GUIDA

11 GEN -

Al fine di ridurre il rischio di diffusione di una potenziale nuova variante e la probabilità di trasmissione durante i viaggi aerei, arriva un aggiornamento delle raccomandazioni pubblicate congiuntamente dall'Agenzia dell'Unione Europea per la Sicurezza Aerea (Easa) e dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (Ecdc). Rispetto al documento pubblicato lo scorso 4 gennaio si chiede oggi sia di valutare lo stato vaccinale dell'equipaggio a bordo degli aerei che di prendere in considerazione la possibilità di raccomandare alla popolazione di evitare viaggi non essenziali in presenza di sintomi respiratori o di indossare mascherine di tipo Ffp2 a bordo.

Questo addendum sulla sicurezza sanitaria dell'aviazione, "è una pronta risposta europea coordinata alla rapida diffusione del Covid in Cina, in modo da garantire la sicurezza sanitaria nell'aviazione e limitare la diffusione del virus in altre regioni - ha dichiarato Luc Tytgat, direttore dell'Easa per la strategia e la gestione della sicurezza -. È chiaro che queste misure sono temporanee e sono state concepite come una risposta proporzionata, che può essere applicata in qualsiasi altra situazione analoga se si verifica una recrudescenza regionale del Covid".

Il direttore dell'Ecdc Andrea Ammon ha dichiarato: "Alla luce dell'attuale situazione epidemiologica, i Paesi UE/SEE dovrebbero concentrarsi sull'individuazione precoce di eventuali nuove varianti. Poiché le nuove varianti possono comparire ovunque nel mondo, la chiave di volta per tale individuazione è un monitoraggio efficace basato su un campionamento rappresentativo, che può essere integrato da campioni di screening dei passeggeri in arrivo nell'UE/SEE dalla Cina o da altre parti del mondo. Il rafforzamento generale della sorveglianza e del monitoraggio genomico nei nostri Stati membri è quindi molto importante. Dobbiamo rimanere vigili e monitorare attentamente la situazione, soprattutto in un periodo di co-circolazione di altri virus respiratori come l'Rsv e l'influenza. I nostri sforzi di risposta devono essere coerenti, coordinati, proporzionati e sostenibili".

Proprio a causa dell'attuale co-circolazione di più virus respiratori (Sars-CoV-2, influenza stagionale, Rsv, ecc.) che causano gravi malattie a gruppi vulnerabili, "le autorità aeroportuali - si legge nel documento - in collaborazione con le autorità sanitarie pubbliche degli Stati Uniti, dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di raccomandare alla popolazione di evitare viaggi non essenziali in presenza di sintomi respiratori. In caso contrario, si dovrebbe raccomandare di indossare un respiratore FFP2/N95/KN95"

Nella situazione attuale, le misure sono rivolte ai voli tra la Cina e l'Unione Europea. Esse comprendono misure non farmacologiche per ridurre la diffusione del virus, come l'uso di maschere e l'esecuzione di test sui viaggiatori, nonché il monitoraggio delle acque reflue come strumento di allerta precoce per individuare nuove varianti. Le raccomandazioni sono state elaborate in consultazione con il Centro comune di ricerca della Commissione europea, le autorità nazionali dell'aviazione e della sanità pubblica, le compagnie aeree, gli aeroporti e i produttori di aeromobili.

Sulla base delle misure concordate dagli Stati membri europei, le seguenti raccomandazioni si applicano con effetto immediato ai voli in arrivo nell'UE dalla Cina:

- test prima della partenza per i passeggeri dei voli diretti e indiretti

- indossare maschere a bordo dell'aeromobile sia per i passeggeri che per l'equipaggio

- pulizia e disinfezione rafforzate degli aeromobili che servono queste rotte

- ove possibile, lo stato di vaccinazione dei membri dell'equipaggio deve essere preso in considerazione prima dell'assegnazione al servizio

possono essere effettuati anche test casuali su un campione di passeggeri in arrivo

- i test positivi dovrebbero essere sequenziati, in modo da ottenere informazioni tempestive sulla circolazione e su eventuali nuove varianti emergenti nella regione di origine

- le acque reflue dovrebbero essere monitorate negli aeroporti con voli internazionali e aerei in arrivo dalla Cina per controllare il livello di infezione e individuare eventuali nuove varianti.

Le misure sono definite in modo da "non introdurre ritardi nei voli o compromettere la sicurezza dei voli. Le raccomandazioni saranno riviste regolarmente in linea con la valutazione del rischio della situazione epidemiologica effettuata dall'Ecdc e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e con qualsiasi revisione delle misure attualmente concordate dagli Stati membri a livello europeo", spiegano Easa e Ecdc.



11 gennaio 2023
© Riproduzione riservata
Allegati:

spacer Le linee guida

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy