Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Caldo. L’appello di Schillaci: “Proteggere i più fragili, le persone anziane e i bambini”


"Dobbiamo soprattutto stare attenti a non uscire durante le ore più calde, dalle 11 alle 18, e dobbiamo bere molta acqua. Questo è particolarmente difficile proprio per gli anziani perché spesso non avvertono la sete. La civiltà di una nazione si vede anche da come vengono trattati i più deboli, a partire dagli anziani. In queste giornate di caldo, all'interno delle Rsa, bisogna assicurare temperature adeguate". Così il ministro della Salute ospite a Uno mattina estate.

12 LUG -

"Con il grande caldo dobbiamo proteggere soprattutto le persone più fragili, gli anziani, ma penso anche ai bambini. Dobbiamo soprattutto stare attenti a non uscire durante le ore più calde, dalle 11 alle 18, e dobbiamo bere molta acqua. Questo è particolarmente difficile proprio per gli anziani perché spesso non avvertono la sete".

Lo ha ricordato il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ospite a Uno mattina estate su Rai Uno.

Necessario quindi ricordare alle persone anziane "di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. E poi dobbiamo anche avere un comportamento alimentare adeguato, cercare di mangiare soprattutto i cibi freschi, frutta, verdura, non mangiare in particolare i cibi grassi".

"La civiltà di una nazione si vede anche da come vengono trattati i più deboli, a partire dagli anziani. Per questo, abbiamo da sempre un focus sulle Rsa. Ringrazio i Nas, che svolgono un'attività di controllo costante in queste strutture. In queste giornate di caldo, all'interno delle Rsa, bisogna assicurare temperature adeguate", ha aggiunto.

Quanto alle partenze per le vacanze, in queste giornate torride, queste dovrebbero basarsi su diversi elementi: intanto serve "scegliere se è possibile le giornate con meno traffico, come ogni anno viene raccomandato", ma è necessario anche "viaggiare in condizioni di sicurezza, possibilmente con un veicolo che sia stato ben ventilato, avere sempre acqua dentro la macchina e ovviamente cercare di muoversi non nelle ore più calde".


Per quanto riguarda l'aria condizionata, in macchina o in altri spazi, è sicuramente "un supporto, però dobbiamo anche metterla a una temperatura adeguata, tra i 25 e 27 gradi, non esagerare, non far sì che ci sia troppa differenza tra l'interno e l'esterno, altrimenti poi i benefici diventano minori, i rischi maggiori e soffriamo anche di più, paradossalmente, il caldo. In generale bisogna stare attenti ad evitare gli sbalzi di temperatura, perché soprattutto per i più fragili possono avere conseguenze importanti", ha concluso Schillaci.



12 luglio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy