Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 APRILE 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. Zullo (FdI): “Governo aumenta fondi per la sanità, accuse sinistra paradossali”


“I fatti respingono certe sterili accuse: con il governo Meloni il Fondo sanitario nazionale viene infatti incrementato di 3 miliardi per il 2024, di 4 miliardi per il 2025 e di 4,2 miliardi a decorrere dal 2026”

24 OTT -

“Paradossale la sinistra che oggi accusa il governo Meloni di effettuare tagli alla sanità. Paradossale sì, perché veniamo da anni di continue riduzioni di fondi al comparto sanitario: uno stillicidio con cui siamo stati costretti a confrontarci, nostro malgrado, durante la pandemia. I fatti respingono certe sterili accuse: con il governo Meloni il Fondo sanitario nazionale viene infatti incrementato di 3 miliardi per il 2024, di 4 miliardi per il 2025 e di 4,2 miliardi a decorrere dal 2026. Denaro che servirà, tra le altre cose, a rinnovare i contratti del settore medico e paramedico. La sinistra farebbe meglio a tacere”. Lo dichiara il senatore Ignazio Zullo, capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Sanità.



24 ottobre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy