Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Responsabilità professionale. Sisto: “Evitare l’evento è più importante che sanzionarlo”


"Ovviamente la sanzione ha una sua rilevanza ma è evidente che per la responsabilità del medico è più importante provare ad evitare l’evento che a sanzionarlo anche duramente quando, sempre contro le intenzioni, è accaduto. Lo stato dell’arte della responsabilità medica è tutto teso alla tutela del paziente e alla non penalizzazione del comportamento del medico”.

07 GIU -

“Sono convinto e con me anche il Governo e la Commissione d’Ippolito che la parola prevenzione deve oggi prevalere sulla parola repressione. Un leitmotiv che ci sforziamo di portare all’interno della Commissione di nuovo conio sul diritto penale e la sicurezza sul lavoro. Evitare l’evento diventa più importante che sanzionarlo".

Così il viceministro alla Giustizia, Francesco Sisto, al 46° Congresso della Società Italiana di Medicina Legale (Simla), che si tiene nel capoluogo etneo fino a domani, evidenzia il lavoro messo in campo dal governo sul fronte della responsabilità sanitaria.

"Ovviamente - aggiunge - la sanzione ha una sua rilevanza ma è evidente che per la responsabilità del medico è più importante provare ad evitare l’evento che a sanzionarlo anche duramente quando, sempre contro le intenzioni, è accaduto. In questa prospettiva credo che la Commissione abbia provato a tesaurizzare alcuni orientamenti e alcuni indirizzi. In ogni caso, lo stato dell’arte della responsabilità medica è tutto teso alla tutela del paziente e alla non penalizzazione del comportamento del medico”.

Nel corso della mattinata, è intervenuto anche Adelchi d’Ippolito, presidente della Commissione per lo studio e l’approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica: “L’impegno della Commissione è sempre stato rivolto e indirizzato a trovare le condizioni perché i medici possano operare con assoluta serenità lasciando ai cittadini una piena tutela giuridica”. Su 100 denunce si registrano mediamente 3 condanne. “Questo vuol dire – ha aggiunto il presidente d’Ippolito - che la maggior parte di queste denunce sono strumentali o infondate. La denuncia deve essere un momento di assunzione di responsabilità, non si può usare il processo in modo improprio, va quindi punita la temerarietà della lite”.



07 giugno 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy