Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 APRILE 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Da Palazzo Chigi arriva via libera ai 4 comparti. Renzi: “Primo passo per il rinnovo dei contratti”


Ratificata la riduzione a 4 comparti nella PA, dopo l'intesa con i sindacati dello scorso aprile. I nuovi comparti saranno: Funzioni centrali, Funzioni locali, Istruzione e ricerca e Sanità. Diventa poi legge il decreto attuativo della riforma Madia contenente una stretta sui 'furbetti del cartellino': la sospensione scatterà entro 48 ore, si avranno 15 giorni per difendersi e altri 15 per completare l'iter disciplinare.

15 GIU - Via libera dal Consiglio dei Ministri alla riduzione a 4 aree contrattuali per la Pubblica Amministrazione, dopo l'intesa con i sindacati dello scorso aprile. "Ora è possibile iniziare a discutere con i sindacati per il rinnovo che è fermo da anni. Era un obbligo, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, ma anche un dovere che ci sentiamo di prendere come Governo. Oggi facciamo un primo passo. Su questo voglio però essere molto chiaro: si richiederanno tempi non semplicissimi". Così il premieri Matteo Renzi ha commentato la misura nel corso della conferenza stampa.
 
Ricordiamo come, da intesa con i sindacati, saranno questi i 4 comparti: Funzioni centrali, Funzioni locali, Istruzione e ricerca e Sanità. Per la dirigenza sanitaria ci sarà un'area specifica che non comprenderà però i dirigenti amministrativi, tecnici e professionali. Questi ultimi confluiranno nell'area Funzioni locali. Mentre dirigenti infermieri, dirigenti ostetriche, dirigenti tecnici sanitari, della riabilitazione e della prevenzione confluiranno nell'area della dirigenza sanitaria.
 
Da Palazzo Chigi arriva anche una stretta sui 'furbetti del cartellino'. Diventa legge il decreto attuativo della riforma Madia, presentato lo scorso gennaio, che fissa un tempo massimo di 30 giorni per decidere la sorte del dipendente pubblico colto sul fatto. La sospensaione scatterà entro 48 ore e il licenziamento entro 1 mese. L'iter prende il via dal momento in cui il presunto 'furbetto' viene messo al corrente. Da quell'istante il lavoratore avrà 15 giorni per preparare la difesa. Gli altri 15 giorni saranno dedicati al completamento dell'istruttoria.
 
Giovanni Rodriquez

15 giugno 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy