Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 28 MAGGIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Nuovi antidiabetici, Anelli (Fnomceo): “Prescrizione da parte di tutti i medici questione di giustizia sociale, aumenta l’uguaglianza nell’accesso alle cure”


“Si tratta di una questione etica, oltre che scientifica e di appropriatezza prescrittiva – spiega Anelli -. Un tema di giustizia sociale, di valorizzazione della professionalità del medico in qualunque veste scelga di svolgere la sua professione e di potenziamento del ruolo della Medicina generale e delle cure territoriali nella gestione integrata del diabete e delle patologie croniche”.

27 GEN - “Soddisfazione” da parte della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici per l’apertura a tutti i medici del Servizio sanitario nazionale della possibilità di prescrivere i “nuovi” farmaci antidiabetici. Ad esprimerla, il Presidente, Filippo Anelli, che così commenta l’introduzione, da parte dell’Aifa, della “nota 100” che regola la prescrivibilità, da parte dei medici di medicina generale e di tutti gli specialisti del Servizio Sanitario nazionale, di tre classi di farmaci di grande rilievo per il trattamento del diabete e delle sue complicanze, anche in associazione con altri principi attivi: gli inibitori del Sglt2, gli agonisti recettoriali del Glp1 e gli inibitori del Dpp4.
 
“Consentire a tutti i medici del nostro Servizio sanitario la prescrizione di questi farmaci, che hanno ampiamente dimostrato la loro efficacia e sicurezza, e che, comparati ai medicinali più ‘vecchi’, hanno, per determinati pazienti, notevoli vantaggi terapeutici, significa fare un passo avanti nell’universalità e nell’uguaglianza dell’accesso alle cure – spiega Anelli -. Accogliamo dunque con estremo favore la decisione dell’Aifa, frutto di un lungo lavoro congiunto con le Società scientifiche mediche e con la Fnomceo, che ha aperto con l’Agenzia del farmaco un tavolo dedicato. Possiamo dire che finalmente il cerchio si chiude, e a beneficiarne saranno i cittadini”.
 
“In particolare, l’apertura alla prescrizione da parte del medico di medicina generale consentirà di trattare in maniera ottimale i pazienti più fragili – continua -. Il medico di famiglia, infatti, gestisce il paziente in prossimità, tenendo conto della pluripatologia che deve ricondurre a un progetto di cura individuale. Finalmente tutti i pazienti avranno pieno accesso alla terapia antidiabetica più adatta per loro, senza discriminazioni economiche o dovute alle difficoltà negli spostamenti. Con vantaggi anche per l’intera collettività, in termini di gestione della malattia e prevenzione delle complicanze, soprattutto cardiovascolari”.
 
“Si tratta di una questione etica, oltre che scientifica e di appropriatezza prescrittiva – conclude Anelli -. Un tema di giustizia sociale, di valorizzazione della professionalità del medico in qualunque veste scelga di svolgere la sua professione e di potenziamento del ruolo della Medicina generale e delle cure territoriali nella gestione integrata del diabete e delle patologie croniche”.

27 gennaio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy