Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 FEBBRAIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

I medici della Marina Militare: “Sulle onde a tutela della salute”


Questo il motto cui risponde il Corpo Sanitario della Marina Militare e che ben sintetizza la principale “mission”: la tutela della salute, non solo del personale ma di tutti i cittadini. Prestare servizio nel Corpo Sanitario della Marina, infatti, non significa solo preservare la salute dei militari: le qualità e le potenzialità dei professionisti che ne fanno parte possono essere messe dell’intera collettività. I medici “civili” che desiderano cimentarsi in un contesto diverso da quello abituale, possono invece chiedere l’inserimento nella Riserva Selezionata.

27 SET - Si è parlato dei medici presenti a vario titolo e con diversi ruoli nella Marina Militare nell’incontro, avvenuto nei giorni scorsi a Roma, tra il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, e il Capo dell’Ispettorato di Sanità della Marina Militare Ammiraglio Ispettore Antonio Dondolini Poli, accompagnato dal Capitano di Vascello Elviro Cesarano, Capo dell’Ufficio Risorse dell’Ispettorato di Sanità M.M..

“Sulle onde a tutela della salute” è il motto cui risponde il Corpo Sanitario della Marina Militare e che ben sintetizza la principale “mission”: la tutela della salute, non solo del personale ma di tutti i cittadini. Prestare servizio nel Corpo Sanitario della Marina, infatti, non significa solo preservare la salute dei militari: le qualità e le potenzialità dei professionisti che ne fanno parte possono essere messe dell’intera collettività. Medici, Infermieri, Biologi, Farmacisti, Odontoiatri, Psicologi, Veterinari e Tecnici sanitari offrono un contributo fondamentale e qualificato al completo perseguimento degli obiettivi istituzionali dell’intera Forza armata: a terra e a bordo, in Italia e all’estero, in attività addestrative, operative e a sostegno delle popolazioni civili in difficoltà. Eccellenza specialistica del Corpo è il Servizio sanitario del Comando Incursori e subacquei che si occupa, tra l’altro, della ricerca nell’ambito della medicina iperbarica e subacquea.

I medici “civili” che desiderano cimentarsi in un contesto diverso da quello abituale, ambulatoriale o ospedaliero possono invece chiedere l’inserimento nella Riserva Selezionata, un elenco di professionisti dai quali la Marina Militare trae il personale per brevi periodi in attività a terra e a bordo, in operative e addestrative ed anche in missioni di soccorso umanitarie. Una volta inclusi, potranno dare la propria disponibilità ad effettuare periodi di richiamo in servizio, sia a terra che a bordo delle Unità Navali.

Il medico di bordo è una delle figure centrali dell’equipaggio della nave:
- è il consulente del Comandante per ogni aspetto di natura sanitaria;
- è di fatto il medico di famiglia dell’equipaggio quando la nave è in attività;
- si occupa anche di primo soccorso e di prevenzione.

27 settembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy