Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Curare ambiente e organizzazione del lavoro per combattere Burnout e stress 

di Domenico Della Porta

Riconoscere la relazione tra ambiente lavorativo e benessere significa sostenere e promuovere il benessere organizzativo, anche attraverso la corretta progettazione delle caratteristiche dell’ambiente fisico. È una azione di tutela e di cura che produce effetti positivi a cascata

22 DIC -

Per combattere il Burnout e lo stress degli oltre la metà degli infermieri professionali che operano nelle strutture sanitarie italiane, occorre anche promuovere salute negli ospedali e curare gli aspetti connessi alla sicurezza nel progettare l’ambiente e l’organizzazione del lavoro.

Questo consiglio viene fuori da quanto indicato in uno dei punti evidenziati dalle Linee Guida dell’Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro il 21 marzo 2023, in sostituzione di quelle del 30 settembre 2010.

Spesso sottovalutato, l’ambiente di lavoro incide sulle performance e sul benessere dei lavoratori. Ecco perché è importante creare un ambiente di lavoro positivo e accogliente. Occorre perciò chiarire i seguenti concetti:
Che cosa si intende per ambiente di lavoro?

Un Ospedale SANO E SICURO, accogliente e sereno, favorisce il benessere dei lavoratori riducendo le occasioni di aggressioni, trasmette segnali di rassicurazione nei confronti dei ricoverati, contribuisce a promuovere la salute nei confronti della comunità.

Esiste un’ampia letteratura internazionale che indaga la correlazione tra caratteristiche ambientali e benessere lavorativo, sostiene l’Osservatorio Malattie Occupazionali e Ambientali, OSMOA, dell’Università degli Studi di Salerno, degli operatori soprattutto in ambito sanitario e socio sanitario.

Le ricerche Evidence Based Design (EBD) dimostrano quali caratteristiche spaziali e ambientali possano impattare positivamente non solo sul benessere fisico, mitigando le reazioni e le aggressioni tra gli operatori e tra operatori ed utenza, ma anche e soprattutto su quello mentale, psico-emotivo, percettivo e occupazionale dello staff incrementando la qualità delle prestazioni.

“Nel discorso di Ospedale Sano e Sicuro si inserisce a pieno titolo lo sviluppo della sanità digitale - ha messo in evidenza Gennaro Sosto, direttore generale ASL Salerno, presidente di Federsanità ANCI della Campania e componente della direzione nazionale di Federsanità - che giocherà un ruolo fondamentale non solo per migliorare l’esperienza degli utenti, ma anche per ottimizzare processi ed efficienza del personale sanitario.

La possibilità di disporre e usufruire di dispositivi informatici, ha aggiunto, da una parte per l’elaborazione, digitalizzazione e gestione delle informazioni cliniche e, dall’altra, per la tracciabilità e il monitoraggio di forniture, consumi di materiale e presidi, rappresenterà un vantaggio in termini di sicurezza, rischio clinico e aumenterà notevolmente il benessere lavorativo dello staff. Inoltre, la possibilità di disporre di dispositivi informatici per le attività di tele-consulto per casi clinici di particolare complessità, consentirà allo staff di lavorare in maniera più dinamica, permettendo scambi e condivisione di idee in remoto e con altre strutture. Questo aspetto, non solo consentirà una gestione più efficiente, ma faciliterà e alleggerirà il carico di lavoro del personale, migliorandone benessere, motivazione e soddisfazione lavorativa”.

Riconoscere la relazione tra ambiente lavorativo e benessere significa sostenere e promuovere il benessere organizzativo, anche attraverso la corretta progettazione delle caratteristiche dell’ambiente fisico. È una azione di tutela e di cura che produce effetti positivi a cascata. Per garantire la miglior qualità possibile di vita degli anziani e degli ammalati è infatti importante prendersi cura di coloro che se ne prendono cura.

Prestare attenzione alle esigenze – espresse e inespresse – degli operatori, è fondamentale per creare e mantenere un ambiente di cura (ovvero un ambiente lavorativo) efficiente, soddisfacente, sano, sicuro e ad alte prestazioni.

Ecco perché il contenimento dei livelli di stress e il burnout del personale sanitario è un obiettivo chiave della salute organizzativa di un servizio, sottolinea l’Osservatorio Malattie Occupazionali e Ambientali, OSMOA, dell’Università degli Studi di Salerno.

Elevati livelli di turnover hanno un impatto dirompente sia sul benessere degli assistiti - che continuamente perdono i propri punti di rifermento - sia sulla continuità e la qualità del servizio con operatori continuamente “in formazione”. Sia, infine, sotto il profilo della sostenibilità economica.

A tal proposito, segnala OSMOA, i benefici che derivano dalle ristrutturazioni e adeguamenti antisismici legati ai finanziamenti del Pnrr, Missione 6, come viene fuori dal sito istituzionale Italia Domani nella sezione Verso un nuovo ospedale sicuro e sostenibile sono quelli di ottenere: Strutture ospedaliere più sicure anche attraverso misure antiviolenza; Riqualificazione dell’ambiente di lavoro per il personale sanitario (Puntando al Benessere organizzativo proposto nel corso dell’insediamento del Forum di Federsanità da Fabrizio D’Alba……); Miglioramento della sicurezza per i pazienti (Ammodernamento percorsi e apparecchiature); Miglioramento dell’impatto ambientale delle strutture.

Domenico Della Porta

Presidente Osservatorio Malattie Occupazionali e Ambientali Università degli Studi di Salerno



22 dicembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy