Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Fondo dispositivi medici. Broya de Lucia (PMI Sanità): “No a nuova gabella a carico delle aziende, presentato ricorso al Tar” 


Dopo il payback, “ecco la solita legge varata solo per fare cassa ai danni degli imprenditori calcolando, peraltro, il dovuto non sull'utile, bensì sul fatturato”. Così il presidente dell'associazione definisce il decreto sul Fondo per il governo dei dispositivi medici alimentato con il contributo dello 0,75% sul fatturato annuo imposto ai fornitori di dispositivi medici al Ssn ed “esigibile dal 2024, ma calcolato anche sull'anno appena trascorso”.

11 APR - “PMI Sanità, supportata dall'avvocato Giampaolo Austa, ha impugnato, dinanzi al Tar del Lazio, il decreto del Ministero della Salute del 29 dicembre 2023, con il quale è stato imposto un contributo dello 0,75% sul fatturato annuo ai fornitori di dispositivi medici al SSN, esigibile dal 2024, ma calcolato anche sull'anno appena trascorso”. Lo annuncia, in una nota, Gennaro Broya de Lucia, presidente dell'associazione nazionale delle piccole e medie imprese produttrici e fornitrici (per gli ospedali) del materiale necessario alla diagnosi ed alle cure.

Fin da subito, spiega De Lucia: “ci siamo fatti promotori del ricorso richiamando l'attenzione dei nostri associati i quali hanno risposto in maniera massiccia. Che dire? Dopo il payback, che il prossimo 22 maggio sarà oggetto della decisione della Corte Costituzionale, ecco l'imposizione di un ulteriore gabella: l'ennesima pretesa, sproporzionata e discriminatoria, dello Stato nei confronti delle imprese del settore”.

Per il presidente di PMI Sanità si tratta di un atto "discriminatorio dal momento che crea disparità di trattamento tra i fornitori della sanità pubblica e quelli della sanità privata. Una misura masochista perché, così facendo, si incentivano le aziende ad abbandonare il SSN ed a privilegiare le forniture al privato". Ma soprattutto, rincara Broya de Lucia, “lo Stato chiede di pagare per prestazioni che non hanno nulla a che vedere con il...'governo' dei dispositivi medici”.

Insomma, conclude il presidente di PMI Sanità: "ci troviamo al cospetto della solita legge varata solo per fare cassa ai danni degli imprenditori calcolando, peraltro, il dovuto non sull'utile, bensì sul fatturato".

Per PMI Sanità “il Decreto va annullato mentre per la legge che lo prevede andrebbe dichiarata l'illegittimità costituzionale”.

11 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy