Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Sabato gli psichiatri italiani al lavoro con il lutto al braccio per ricordare Barbara Capovani 


Il 21 aprile 2023 nel pomeriggio l’aggressione. Il 23 aprile a quasi mezzanotte il decesso. La Sip: “Al dolore si aggiunge l’impotenza di non ottenere sicurezza nei nostri luoghi di lavoro. Al centro dell’attenzione dovrebbe essere l’abolizione della Circolare Lamorgese sul divieto di intervento delle forze dell’ordine nei pronto soccorso e nei reparti. Una decisione che ha deluso i medici e reso ulteriormente difficile la gestione dei pazienti violenti nei reparti di psichiatria”.

19 APR -

Non sono bastate. Non una fiaccolata con migliaia di psichiatri e operatori sanitari nelle più importanti piazze d’Italia contro la violenza e in memoria di Barbara Capovani un anno fa. Non lettere, interviste e appelli della Società Italiana di Psichiatria alle Istituzioni e al Presidente della Repubblica in occasione della Giornata Nazionale della Salute mentale lo scorso 20 ottobre. Nessuna iniziativa ha ottenuto lo scopo che si prefiggeva: aumentare la sicurezza nei luoghi di lavoro. Fino ad oggi nessuna risposta concreta. Una seconda lettera al Presidente Mattarella è stata inviata recentemente da 450 psichiatri. Anche qui per ora nessuna risposta. Per un tema, tra l’altro, che si allarga a tutto l’ambito medico: secondo l’Inail, ogni anno sono oltre 2 mila i casi di violenza in sanità.

Seimila nel triennio 2020-2022, con un incremento del 14% sul triennio precedente consentendo un conto facile sul 2023: circa 2300 casi, di cui altrettanti più lievi e non denunciati ma non per questo meno importanti. Di tutti questi il 34% avviene in ambito psichiatrico con un 21 al pronto soccorso secondo i dati di Anaao-Assomed. Tra le problematiche aperte l’abolizione della Circolare Lamorgese sul divieto di intervento delle forze dell’ordine negli ambiti di pronto soccorso e nei reparti, una decisione che ha deluso e lasciato soli i medici e i sanitari di fronte alle aggressioni e reso ulteriormente difficile la gestione dei pazienti violenti nei reparti di psichiatria.


“Conoscevo Barbara Capovani, era un medico infaticabile e appassionato, non ricordo di averla mai vista senza sorriso. Gestiva ogni situazione in modo competente e rassicurante, trovando la soluzione migliore per tutti. È passato un anno dalla sua morte – spiega Liliana Dell’Osso, presidente eletto Sip –. Un anno in cui, a parte frasi di circostanza, il problema psichiatria in Italia e della sicurezza dei dipartimenti (e dei centri di salute mentale di conseguenza) è rimasto sepolto sotto un mare di dichiarazioni senza soluzioni reali. Perché la violenza quotidiana cui sono sottoposti operatori, infermieri, psicologi e medici psichiatri ormai è diventata impossibile da quantificare, visto che le denunce non danno alcun riscontro, salvo in casi drammatici come questo o in caso di ricovero”.

“Certamente la Circolare Lamorgese sul divieto di intervento delle forze dell’ordine nei pronto soccorso e nei reparti ha deluso i medici e reso ulteriormente difficile la gestione dei pazienti violenti nei reparti di psichiatria – precisa Emi Bondi, presidente Sip –. A fianco si trovano i problemi di gestione del pronto soccorso, dell’emergenza e delle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems), scambiate per ospedali psichiatrici giudiziari, come se la legge 81, che ne ha decretato la chiusura, non fosse mai esistita. Insomma, il ruolo che si sta tornando a dare alla psichiatria di gestore dell’aggressività, fa sì che sempre più spesso i sanitari siano chiamati ad occuparsi di tutta la devianza sociale, senza discriminazione fra chi è veramente un malato psichico che ha bisogno di cure rispetto a chi e solo un violento”.

“Certamente una Legge piena di buone intenzioni ma applicata poco e male, e peggio gestita nonostante l’impegno del personale medico e infermieristico – spiega Guido Di Sciascio, segretario nazionale Sip –. A fare da denominatore comune l’attribuzione allo psichiatra del ruolo di ‘carceriere’ con compito di controllo ‘sociale’ del paziente. Tutto ciò che Basaglia, nella sua lucida lungimiranza, aveva fatto in modo di cancellare per sempre con la sua Legge”.

“La psichiatria di questi ‘anni 20’ del nuovo millennio non ha nulla a che fare con quella degli anni Settanta dello scorso secolo – aggiunge Dell’Osso –. La società è cambiata, enormemente, le patologie psichiche sono cresciute di numero, poiché vengono diagnosticate con più precisione e più precocemente. Le cure sono state rivoluzionate, eppure… eppure le risorse sono rimaste ferme, almeno rispetto ai bisogni di salute mentale di questa nuova società”.

“E così – conclude Bondi – si chiudono i servizi territoriali e ospedalieri per la salute mentale, si contraggono i posti letto nei reparti sempre pieni, con il risultato di una fuga sempre più marcata dal servizio pubblico, che non riesce più a trovare il personale, soprattutto medici e infermieri necessario a mantenere i servizi in grado di rispondere alle esigenze dei pazienti”.



19 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy